Michael Goleniewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michael Goleniewski (originariamente Michał) (Nieswiez, 16 agosto 1922New York, 12 luglio 1993) è stato un ufficiale polacco del servizio segreto militare, spia per l'Unione Sovietica e collaboratore della CIA. Asserì di essere lo Zarevič Alekei Nikolaevič di Russia.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver combattuto nell'esercito polacco durante la seconda guerra mondiale divenne tenente colonnello. Si laureò in legge all'Università di Poznań e successivamente si specializzò con un master in scienze politiche all'Università di Varsavia nel 1956. In quegli anni si mise al servizio dell'Unione sovietica come spia.

Tradì i suoi compagni lasciando la patria per la Germania Ovest nel 1961, dove collaborò con la CIA. Per questo atto venne condannato a morte (sentenza che valeva solo nel suo paese che non vide più).

Goleniewski si sposò con Ingrid Kampf il 30 settembre 1964, usando il nome Alexei Romanov. In seguito la coppia divorziò, ma da tale relazione nacque una figlia, Tatiana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massie, Robert K., The Romanovs: The Final Chapter, 1995, Random House, pp. 149-159

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]