Metrosessualità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Metrosexual)
Jump to navigation Jump to search

Metrosessualità è un neologismo utilizzato per indicare uomini eterosessuali in genere provenienti da aree metropolitane (metro-) e caratterizzati da comportamenti vagamente simili a quelli stereotipicamente femminili, essendo forti consumatori di cosmetica avanzata, praticanti il fitness, l'abbronzatura artificiale, la depilazione del corpo e altri trattamenti estetici o salutistici. Il termine non è utilizzato per indicare la semplice vanità o il narcisismo, quanto la ricerca quasi ossessiva di un ideale di perfezione estetica che si reputa riconosciuto socialmente.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

David Beckham fu definito "il più grande metrosessuale britannico" da Mark Simpson nel 2002

Il termine è di uso giornalistico e non ha applicazione in ambito scientifico, né sociologicopsicologico. Si tratta di un calco della parola inglese metrosexual, un incrocio linguistico tra le parole metro(politan) e (hetero)sexual,[1] che risale al 1994 per opera di Mark Simpson nel quotidiano britannico The Independent.[2] La sua diffusione risale ai primi anni 2000, in seguito ad un articolo su Salon.com in cui Simpson definì David Beckham "il più grande metrosessuale britannico"[3]

L'American Dialect Society ha eletto metrosexual parola dell'anno per il 2003.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Collins, Metrosexual, in Collins Unabridged English Dictionary, Harper Collins. URL consultato il 6 aprile 2011.
  2. ^ The Independent, 15 novembre 1994
  3. ^ "Beckham is the biggest metrosexual in Britain": (EN) Mark Simpson, Meet the metrosexual, su salon.com, 22 luglio 2002. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  4. ^ (EN) 2003 Words of the Year, su americandialect.org, 13 gennaio 2004. URL consultato il 6 dicembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heasley, R. (2005). Crossing the Borders of Gendered Sexuality: Queer Masculinities of Straight Men. In C. Ingraham (a c. di.), Thinking Straight (S. 109-129). New York: Routledge.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]