Meshes of the Afternoon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Meshes of the Afternoon
Titolo originale Meshes of the Afternoon
Paese di produzione USA
Anno 1943
Durata 14 min
Colore B/N
Audio muto
Genere sperimentale
Regia Maya Deren
Montaggio Maya Deren
Musiche Teiji Itō
Interpreti e personaggi
Premi

Meshes of the Afternoon (traducibile come "Le maglie - nel senso di "reti" - del pomeriggio") è il primo cortometraggio realizzato dalla regista Maya Deren, in collaborazione col marito Alexander Hammid nel 1943.

Questo film compare dal 1990 all'interno dell'archivio di film preservati nel National Film Registry ed è quindi da considerare come "film culturalmente, storicamente o esteticamente significativo".

Fu girato con pochissimi mezzi, usando una cinepresa Bolex 16mm di seconda mano. Nondimeno è considerato uno dei capolavori di Deren e una delle pellicole d'avanguardia più influenti della storia del cinema statunitense.

Meshes esprime la poetica surrealista abbracciata da Deren agli inizi della sua carriera. Il film è privo di una linea cronologica facilmente comprensibile, ed è costituito piuttosto da una serie di immagini potenzialmente simboliche che si rimandano per analogia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del film, una giovane donna (Deren stessa, all'epoca venticinquenne), sulle tracce di una misteriosa figura che si allontana, entra nella propria casa e si addormenta. In seguito la scena si ripete tre volte, portando (grazie anche a seminali effetti ottenuti tramite l'esposizione della pellicola) alla moltiplicazione delle figure della protagonista. La donna insegue ora un'inquietante figura coperta da un mantello, con uno specchio al posto del viso. Nel finale compare anche una figura maschile, interpretata dall'allora marito di Deren, Alexander Hammid.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu montato in origine senza sonoro. Nel 1959 fu aggiunto un suggestivo commento musicale composto da Teiji Itō.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN249433203 · GND: (DE7840573-7 · BNF: (FRcb16594824w (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema