Matrilinearità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine matrilinearità indica in antropologia sociale un sistema di discendenza per linea materna, nel quale cioè i figli ereditano la posizione sociale e il possesso dei beni dalla madre anziché dal padre.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La mitica Ippolita, regina delle Amazzoni

L'antropologo scozzese John Fergusson McLennan (Primitive marriage, 1865) ipotizzava l'esistenza di società antiche poliandriche. L'impossibilità di determinare il padre del bambino portò al calcolo delle generazioni con una discendenza matrilineare[1].

Una linea materna è una linea di discendenza da una donna a un soggetto (di entrambi i sessi) nel quale gli individui delle generazioni intermedie sono tutti femminili. In un sistema di discendenza matrilineare (= discendenza uterina), una persona è considerata appartenere allo stesso gruppo di progenie della propria madre. Questo in contrasto con il percorso più comune della discendenza patrilineare.[2]

Gli antenati uterini di un singolo sono gli avi di sesso femminile di quella persona, ovvero una matrilinea che va dall'antenato femmina fino all'individuo.

Sull'eredità per relazione di parentela matrilineare (= parentela uterina), si applica la successione matrilineare.[3]

In alcune culture, l'appartenenza a un gruppo viene trasmessa matrilinearmente. Ad esempio, la legge ebraica sostiene che un singolo sia ebreo se la propria madre (e non il padre) è giudea. La cosa era probabilmente vera anche nella società araba islamica premoderna e ciò sarebbe attestato dalla tutela del bimbo orfano assunta dallo zio materno ( khāl ) e non già da quello paterno ( ʿamm ).[4]

Altri esempi di cultura matrilineare sono: le mitologiche Amazzoni, i Minangkabau di Sumatra Occidentale, i Nair del Kerala (India), i Balobedu (Sudafrica) con le regine della pioggia e l'etnia Mosuo in Cina. Dieci sovrane si avvicendarono sul trono dell'antico regno di Matamba (Angola) dal XV secolo al 1771, tra cui la regina Nzinga (1631-1663) che regnò anche in Ndongo.[5]

Il fatto che il DNA mitocondriale venga ereditato per via materna, infine, permette di individuare le linee matrilineari degli individui attraverso l'analisi genetica.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Barnard, Alan., Storia del pensiero antropologico, Il Mulino, 2001, p. 49, ISBN 9788815086679, OCLC 849119876.
  2. ^ Bachofen
  3. ^ Goettner-Abendroth
  4. ^ Goettner-Abendroth
  5. ^ Reed
  6. ^ Reed

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heide Goettner-Abendroth, Società di pace: Matriarcati del passato, presente e futuro, Castelvecchi, Roma, 2018
  • Johann G. Bachophen, Il matriarcato. Storia e mito tra Oriente e Occidente, Marinotti, Milano, 2003
  • Evelyn Reed, Evoluzione della donna. Origine, sviluppo e caduta del matriarcato, Pgreco, Roma, 2018

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85082214 · GND (DE7731369-0 · NDL (ENJA00560833
Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia