Matilde di Desenzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matilde (Metilda) di Desenzano (Collalto, ... – 1114) è stata una nobile feudataria italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Collalto.
Acquanegra sul Chiese, chiesa di San Tommaso

Poco si conosce di questa contessa rurale, probabilmente figlia di Rambaldo II di Collalto[1][2], conte nel Trevigiano, della nobile famiglia Collalto. Il fratello Rambaldo III, investito del titolo comitale dall'imperatore Enrico IV[3], fondò nel 1062, con la madre Gisla, l'Abbazia di Sant'Eustachio[4][5] a Nervesa della Battaglia.

Matilde sposò intorno al 1091 il conte Ugo di Sabbioneta, noto anche come "Ugone o "Ugo di Desenzano", figlio di Bosone II e della contessa Donella. Dopo la sua morte Matilde fece una vastissima donazione all'Abbazia di San Tommaso in Acquanegra. La cessione di terre, castelli e diritti è attestata da un documento datato 8 luglio 1107 nel quale per la prima volta nella storia si fa menzione, tra molti altri luoghi tra l'Alto Mantovano e la Bassa Bresciana orientale, di un Castello Vifredi,[6] corrispondente al paese di Castel Goffredo.[7]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Matilde e Ugo ebbero due figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Bonaglia, Storia di Montichiari. Il medioevo (476-1250), Montichiari, Zanetti, 1991.
  2. ^ Genealogia Casati. Collalto. Archiviato il 17 luglio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Francesco Sansovino, Della Origine et de'fatti delle famiglie illustri d'Italia, Venezia, 1670.
  4. ^ Abbazia di Sant'Eustachio Archiviato il 20 dicembre 2014 in Internet Archive.
  5. ^ Da Conti di Treviso a Conti di Collalto. Mito e realtà. Archiviato il 20 dicembre 2014 in Internet Archive.
  6. ^ Alessandro Ballarini, Storia e Archeologia del territorio Mantovano tra VII e XI secolo, su academia.edu. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  7. ^ Piero Gualtierotti, Castel Goffredo dalle origini ai Gonzaga, Mantova, 2008.
  8. ^ Enrico Agosta del Forte, Sabbioneta e il suo comune. Dalle origini al 1980, Mantova, 2005, Sometti Edizioni.
  9. ^ Andrea Conti, Gli ascendenti dei Casaloldo. I conti di Sabbioneta e gli ultimi conti di Parma tra il Garda e il Po (secc. XI-XIII), in M. Vignoli, Casaloldo e la battaglia del 10 maggio 1509, Mantova, 2009

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Besutti, Storia di Asola, Mantova, 1952.
  • Angelo Bonaglia, Storia di Montichiari. Il medioevo (476-1250), Montichiari, Zanetti, 1991.
  • Antonio Racheli, Delle memorie storiche di Sabbioneta. Libri 4, Casalmaggiore, 1849.
  • Piero Gualtierotti, Castel Goffredo dalle origini ai Gonzaga, Mantova, 2008.ISBN non esistente
  • Mariano Vignoli, Giancarlo Cobelli, Da terra aperta e ben intesa fortezza. Le mura e le fortificazioni di Castel Goffredo, Mantova, 2010. ISBN 978-88-95490-10-6
  • Andrea Conti, Gli ascendenti dei Casaloldo. I conti di Sabbioneta e gli ultimi conti di Parma tra il Garda e il Po (secc. XI-XIII), in M. Vignoli, Casaloldo e la battaglia del 10 maggio 1509, Mantova, 2009
  • Enrico Agosta del Forte, Sabbioneta e il suo comune. Dalle origini al 1980, Mantova, 2005, Sometti Edizioni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]