Marius Mercator

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marius Mercator (Africa settentrionale, verso il 390 – poco dopo il 451) è stato uno scrittore ecclesiastico cattolico romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mercatore, nato probabilmente in Nordafrica negli anni Novanta del IV secolo d.C., nel 417 o 418 si trovò a Roma, dove scrisse due trattati antipelagiani, poi inviati da lui a Agostino di Ippona[1]. Dal 429 fino al 448 circa, poi, si trasferì a Constantinopoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Mercatore è autore del Commonitorium super nomine Cælestii,[2] e del Commonitorium adversus hæresim Pelagii et Cælestii vel etiam scripta Juliani[3]. L'ultimo di essi portò all'espulsione di Giuliano di Eclano e Celestio da Constantinopoli ed alla loro condanna al Primo Concilio di Efeso nel 431. Le due opere, di fatto un insieme di traduzione e excerpta da scrittori ereticali e greci ortodossi, come Cirillo di Alessandria, Nestorio, Teodoro di Mopsuestia, Teodoreto, Pelagio.

Ancora, contro i Nestoriani Mercatore scrisse una Epistula de discrimine inter hæresim Nestorii et dogmata Pauli Samosateni, Ebionis, Photini atque Marcelli[4] e i Nestorii blasphemiarum capitula XII[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Agostino, Epistulae, n. 193.
  2. ^ J.-P. Migne, Marii Mercatoris Opera Omnia, Paris, Migne, 1862, pp. 63-108.
  3. ^ J.-P. Migne, Marii Mercatoris Opera Omnia, Paris, Migne, 1862, pp. 109-172.
  4. ^ J.-P. Migne, Marii Mercatoris Opera Omnia, Paris, Migne, 1862, p. 773.
  5. ^ J.-P. Migne, Marii Mercatoris Opera Omnia, Paris, Migne, 1862, pp. 907-932.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN60905671 · LCCN: (ENn2002067739 · BAV: ADV11367359