Mario Curnis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Curnis
Nazionalità Italia Italia
Alpinismo Mountaineering pictogram (2).svg
Specialità Alpinismo alpino e hymalaiano
 

Mario Curnis (Nembro, 18 dicembre 1936) è un alpinista e scrittore italiano.

Ha al suo attivo molte salite sulle Alpi, dove ha aperto varie vie anche in invernale. Ha partecipato a diverse spedizioni extraeuropee in Patagonia, al Lhotse, al Makalu, al Tien Shan e all'Everest (nel 1973 e, con Simone Moro, nel 2002).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mario Curnis nasce a Nembro il 18 dicembre 1936. Nel 1970 sposa Rosanna Giudici, dalla quale avrà poi due figli.

Inizia la sua attività alpinistica nel 1959.

Ha al proprio attivo un gran numero di salite divise tra le Orobie, le Dolomiti, le Alpi Svizzere e l'Adamello, dove in quest'ultimo apre alcune nuove vie.

Ha partecipato a numerose spedizioni extraeuropee: Nel 1968 e nel 1998 sulle Ande patagoniche, nel 1973, nel 1994 è sull'Everest, nel 1975 è impegnato nella parete sud del Lhotse, nel 1979 e nel 1980 nelle Ande peruviane.

Nel 1981 è tra gli alpinisti che tentano la prima ascesa invernale al Makalu.

Con Simone Moro raggiunge, nel 2002 all'eta di 66 anni, la vetta dell'Everest.[1]

Spedizioni extraeuropee[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968: Ande patagoniche
  • 1973: Everest (esito negativo)
  • 1975: Lhotse (esito negativo)
  • 1979: Ande peruviane
  • 1980: Ande peruviane
  • 1981: Makalu (esito negativo)
  • 1994: Everest (esito negativo)
  • 1998: Ande patagoniche
  • 2002: Raggiunge la vetta dell'Everest all'età di 66 anni insieme a Simone Moro.

Ascensioni sulle Alpi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963: 9 e 10 febbraio, Mario Curnis, Piero Bergamelli e Damiano Petenzi, salgono in prima invernale lo Spigolo Nord dell’Adamello.[2]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Curnis, su angelocorna.it.
  2. ^ Spigolo Nord Adamello, su albertovaltellina.it.
Controllo di autoritàVIAF (EN29144928031354340262 · SBN VIAV147369 · WorldCat Identities (ENviaf-29144928031354340262