Marco Aurelio Olimpio Nemesiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Aurelio Olimpio Nemesiano (Cartagine, fine anni Novanta del III secolo d.C. – ...) è stato un poeta romano, autore di poesia didascalica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poeta apprezzato alla corte dell'imperatore romano Caro[1], Nemesiano fu oriundo di Cartagine e operò anche sotto gli imperatori Carino e Numeriano, per i quali progettava di scrivere un epos celebrativo[2].

Opere[3][modifica | modifica wikitesto]

Quattro egloghe, precedentemente attribuite a Tito Calpurnio Siculo, sono attualmente considerate opera di Nemesiano[4], che potrebbe, più che a Calpurnio, essersi direttamente ispirato al modello virgiliano. La prima ecloga elogia Melibeo, un poeta appena scomparso, mentre la II è un amebeo tra due pastori innamorati della stessa ragazza; nella III bucolica, si cantano i piaceri del simposio, mentre la IV riprende la II nel tema dell'amore, con due pastori, uno innamorato di un ragazzo, l'altro di una ragazza ed entrambi ignorati.

Sempre sulla falsariga virgiliana, Nemesiano riprese il genere didascalico, scrivendo sulle arti della pesca (Halieutica) e della navigazione (Nautica)[5]; tuttavia, della sua produzione didascalica si è conservata solo parte del poema sulla caccia (Cynegetica), di cui resta solo un frammento di 325 versi esametri. Dopo un articolato proemio, in cui Nemesiano afferma di voler tralasciare l'epica mitologica, con allusioni a miti celebri e dedica l'opera a Carino e Numeriano, definiti fortissima pignora Cari[6](vv. 1-102), si passa alla parte tecnica, riguardante, per quanto ci resta, le varie razze di segugi, con consigli per l'allevamento e l'addestramento[7] e i cavalli[8].

Forse proprio per l'attenzione realmente tecnica dedicata a segugi e cavalli e per il fatto di essere scritto in un ottimo latino, il poema era usato come testo scolastico nel IX secolo. Infine, restano due frammenti, per un totale di 28 versi, De aucupio[9] a lui attribuiti nella Anthologia Latina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Historia Augusta, Carino, 11, 2.
  2. ^ Nemesiano, Cynegetica, 63-65.
  3. ^ Un'edizione completa dei lavori che gli sono attribuiti si trova in E. Baehrens, Poetae Latini Minores, Lipsia 1887, vol. III.
  4. ^ Cfr. M. Haupt, De carminibus bucolicis Calpurnii et Nemesiani, Berlin 1854.
  5. ^ Historia Augusta, Carino, 11, 2.
  6. ^ V. 64.
  7. ^ Vv. 103-239.
  8. ^ Vv. 240-325.
  9. ^ Il primo tratta, con elaborate perifrasi, dell'urogallo, il secondo del picchio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B. Luiselli, Il proemio del Cynegeticon di Olimpio Nemesiano, in "SIFC", 30 (1958), pp. 73-95.
  • L. Castagna, Le fonti greche dei Bucolica di Nemesiano, in "Aevum", 44 (1970), pp. 415-443.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN299517335 · LCCN: (ENn50001377 · ISNI: (EN0000 0000 8122 3863 · GND: (DE118738437 · BNF: (FRcb119175395 (data) · BAV: ADV10966677 · CERL: cnp00586990