Manu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima serie animata, vedi Manu (serie animata).

Manu (dal sanscrito man=pensare)[1], in mitologia e nell'esoterismo, è un essere divino, un maestro di antica sapienza, identificato da René Guénon come il «Re del mondo», dotato di intelligenza cosmica e contrapposto all'oscuro «re di questo mondo».[2]

Guénon vede in Manu una figura ricorrente in diverse religioni e resoconti spirituali, appartenente perciò alla tradizione integrale dell'umanità, a una sorta di dottrina universale: egli lo ritrova ad esempio nel Manu degli hindu, nel Menes degli Egizi, nel Menew dei Celti, nel Minosse dei Cretesi, nel Melchisedek ebraico.[2]

Induismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Manu (Induismo).

Nell'induismo, Manu è il nome attribuito al progenitore dell'umanità, che riappare sulla terra all'inizio di ogni nuovo ciclo cosmico di cui si compone l'evoluzione del mondo.[3] Le sue direttive impartite ai sette Rishi furono raccolte nel cosiddetto codice di Manu.[4]

Teosofia ed esoterismo[modifica | modifica wikitesto]

La figura di Manu ricorre negli insegnamenti della dottrina teosofica di inizio Novecento, secondo cui egli si sarebbe incarnato in un corpo particolarmente evoluto all'inizio dell'epoca atlantica, come progenitore della quarta razza umana (Chakshusha Manu), e all'inizio della quinta epoca terrestre, quella attuale, quale capostipite della razza-madre ariana (Vaivasvatu Manu).[5]

Per Rudolf Steiner, Manu è il supremo iniziato che fu a guida dell'Oracolo Solare di Atlantide, e avrebbe condotto alcune anime superstiti di quell'antico popolo in Asia per fondare le civiltà post-atlantiche.[6] Manu poi avrebbe educato e istruito sette uomini, sette santi risci della civiltà indiana plasmati dall’azione degli arcangeli. Essi possedevano un corpo eterico ricco di sapere, che emergeva come un’ispirazione che permetteva loro di raccontare i misteri dell’universo. [7]

Dalla sua loggia madre dell'umanità, cioè dalla stirpe di Adamo, sarebbe provenuta l'individualità introdottasi nel bambino Gesù l'Emmanuele.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ p. 187 (Steiner 2010)
  2. ^ a b Franco Volpi, Dizionario delle opere filosofiche, pag. 460, Pearson Italia S.p.a., 2000.
  3. ^ Alain Daniélou, A Brief History of India. Inner Traditions, Bear & Co., p. 19, 11 febbraio 2003. ISBN 978-1-59477-794-3.
  4. ^ Patrick Olivelle, Manu's Code of Law: A Critical Edition and Translation of the Mānava-Dharmaśāstra, Oxford University Press, 2005.
  5. ^ Charles Webster Leadbeater, I Maestri e il Sentiero, Madras, The Theosophical Publishing House, 1925.
  6. ^ Esoterismo, giugno 2012.
  7. ^ pp. 114-115 (Steiner 2010)
  8. ^ Rudolf Steiner, Buddha e Cristo: le religioni dell'umanità alla luce del Vangelo di Luca Archiviato il 22 aprile 2016 in Internet Archive., 4a conferenza, Archiati Verlag, 2007. La denominazione di Gesù come Emanuele si trova nella profezia della sua nascita in Isaia: «Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele» (Is 7,14).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rudolf Steiner, Gerarchie spirituali e loro riflesso nel mondo fisico Zodiaco Pianeti Cosmo, traduzione di Lina Schwarz, Opera Omnia n. 110, Editrice Antroposofica, Milano, 2010. ISBN 978-88-7787-393-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]