Makara (mitologia indiana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Makara è una creatura mitica della mitologia indiana. Era il vahana di Gaṅgā e Varuṇa e l'insegna di Kama, raffigurato sulla sua bandiera (dhwaja) Karkadhvaja.

La tradizione lo descrive come una creatura acquatica, a volte identificato con il coccodrillo, a volte col delfino. In alcune raffigurazioni ha un corpo di pesce e la testa di elefante. In altre risulta essere un drago con la proboscide. Rappresenta l'acqua, fonte di vita e di fertilità. In astrologia è il segno del Capricorno. Viene utilizzato spesso come figura decorativa all'interno di frontoni, archi e cornici. La diffusione di questa figura è concentrata nella parte sud-orientale dell'India. Il Makara è divenuto un motivo decorativo molto utilizzato in particolare nell'arte Giavanese e nell'arte Khmer e Cham.

Nell'arte indiana il makara è un motivo ricorrente sulle entrate (toran) di templi e monumenti.

Criptozoologia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni criptozoologi associano il Makara al Trunko.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia