Maia (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maia
Maia
Taurus IAU.svg
Pleiadi it.jpg
La posizione di Maia nelle Pleiadi.
Classificazionegigante blu
Classe spettraleB8 III
Distanza dal Sole440 anni luce
CostellazioneToro
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta03h 45m 49,6s
Declinazione+24° 22′ 04″
Dati fisici
Raggio medio5,5 R
Massa
Temperatura
superficiale
12.600 K (media)
Luminosità
660 L
Indice di colore (B-V)-0.07
Dati osservativi
Magnitudine app.3,87
Magnitudine ass.-1,34
Parallasse9,06 ± 1,03 mas
Moto proprioAR: 21,09 mas/anno
Dec: −45,03 mas/anno
Velocità radiale+7,5 km/s
Nomenclature alternative
20 Tauri, HR 1149, BD +23°516, HD 23408, SAO 76155, GC 4500, NSV 01279, HIP 17573.

Coordinate: Carta celeste 03h 45m 49.6s, +24° 22′ 04″

Maia (nota anche come 20 Tauri) è una stella nella costellazione del Toro; si tratta di una delle componenti dell'ammasso aperto delle Pleiadi e giace ad una distanza di circa 440 anni luce da noi. Il suo nome proprio deriva dalla figura mitologica Maia, una delle Pleiadi mitologiche.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella di colore azzurro e di classe spettrale B8III, con una magnitudine apparente di 3,87. Fu indicata da Otto Struve come variabile, segnalazione da cui partì la proposta di considerarla come una classe di variabili a sé stante, le "variabili Maia", in cui vi sarebbero state incluse anche altre stelle, come la γ Ursae Minoris; tuttavia, finora non è stata accertata una variabilità per questa ed altre stelle.[1] Tuttavia, dopo studi realizzati con il telescopio spaziale Kepler nel 2017, che ha accertato che le altre 6 componenti principali delle Pleiadi sono variabili B lentamente pulsanti (SPB), Maia è stata classificata dall'AAVSO come variabile Alfa2 Canum Venaticorum, con una variazione della luminosità minima, di 0,004 magnitudini, in un periodo di poco superiore ai 10 giorni.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Maia stars - A real class of variable stars (PDF), su springerlink.com. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  2. ^ NSV 1279 AAVSO

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni