Mahamudra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mahamudra (dal sanscrito; tib.: Chagya Chenpo, o Chagchen) è un mudra della dottrina induista, nella tradizione yoga e buddhista realizzato con la lingua. Rappresenta il grande sigillo della realtà. Gautama Buddha promise che questo sarebbe stato il suo insegnamento ultimo.

Simbologia del mudra[modifica | modifica wikitesto]

Nella tradizione Kagyu, esso mira alla diretta esperienza della mente. Il Grande Sigillo comprende il fondamento, la via e la meta ultima, ed è considerato la quintessenza degli insegnamenti di Gautama Buddha. Avendo fiducia nella Natura di Buddha, il praticante si esercita a rimanere nella condizione di non-separazione tra il soggetto che sperimenta, l'oggetto sperimentato e l'azione stessa di sperimentare, riuscendo infine a risvegliare la mente in modo totale, suggellando così la sua Illuminazione.

Essendo Mahamudra la completa realizzazione della vera natura della mente, essa è senza tempo. Tuttavia, storicamente parlando, essa fu l'essenza di ogni insegnamento del Buddha, e, in seguito, fu molto approfondita da Yogi indiani e tibetani quali Tilopa (988-1069), Naropa (1016-1100), Marpa (1012-1097), Milarepa (1052-1135) e le varie rinascite del Karmapa. Di quest'ultimo si devono ricordare molti testi e "canzoni", quali, per esempio, "L'Aspirazione per l'ottenimento della Mahamudra" del III Karmapa Rangjung Dorje (1284-1339), che in questo testo unì gli insegnamenti di Mahamudra con quelli dello Dzogchen della scuola Nyingma e "La Mahamudra che elimina il velo dell'ignoranza" del nono Karmapa Wangchuk Dorje (1556-1603).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4213114-5
Buddhismo Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Buddhismo