Magnaghi (A 5303)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magnaghi (A 5303)
Magnaghi (A 5303).jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg
Tipo Nave idro-oceanografica
Proprietà Naval Ensign of Italy.svg Marina Militare
Cantiere Cantieri del Tirreno Riva Trigoso
Impostazione 1973
Varo 8 ottobre 1974
Entrata in servizio 2 maggio 1975
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.700 t
Lunghezza 82,7 m
Larghezza 13,7 m
Pescaggio 3,1 m
Propulsione 2 motori diesel Grandi Motori Trieste da 1.500 CV, 1 motore elettrico da 240 CV
Velocità 14 nodi (26 km/h)
Autonomia 4.500 miglia alla velocità di 12 nodi
Equipaggio 15 ufficiali; 120 tra sottoufficiali, sottocapi e comuni
Note
Motto Nauta pro nautis

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Nave Magnaghi (A 5303) è la prima nave idro-oceanografica progettata e costruita in Italia. Prende il nome dall'ammiraglio Giovan Battista Magnaghi, per questo spesso è chiamata semplicemente Ammiraglio Magnaghi.

L'unità è stata costruita nei Cantieri Navali Riuniti di Riva Trigoso ed è stata consegnata alla Marina Militare il 2 maggio 1975. La nave è stata rimodernata nel 1990-91.

La nave è alle dipendenze del COMFORAUS, il Comando delle Forze Ausiliarie di La Spezia, ma dal punto di vista tecnico dipende dall'Istituto Idrografico della Marina di Genova.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La nave è equipaggiata per compiti Oceanografici con apparecchiature idrografiche, oceanografiche, di radionavigazione, di precisione e di elaborazione dei dati. La sua struttura prevede un'alta plancia con un piccolo albero posteriore e un fumaiolo, una lunga sovrastruttura con due lance per parte, e infine la piattaforma per elicottero con un ponte di volo privo di hangar per consentire l'appontaggio di un elicottero AB212. La nave è stata la prima ad essere realizzata, in Italia, appositamente per il ruolo oceanografico, affiancando 'Mirto' e 'Pioppo' due dragamine classe Legni adattati ed attrezzati per questo tipo di compiti, ed è dotata di tre imbarcazioni per rilievi idrografici costieri e litoranei equipaggiate con ecoscandaglio, una imbarcazione per rilievi portuali e due gommoni.

Crest[modifica | modifica wikitesto]

Il crest dell'unità è composto dal volto dell'Ammiraglio Magnaghi, in primo piano, copiato dal quadro che troneggia nella sala riunioni dell'Istituto Idrografico con la nave sullo sfondo, all'orizzonte. Il nome dell'unità segue il profilo inferiore del tondo mentre il motto Nauta pro nautis fa da corona sul profilo superiore.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le navi della Marina Militare, Imago Media Editrice, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina