Macchi (nave)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Macchi
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo nave
Cantiere Cantiere navale San Marco Trieste
Varo 1899
Nomi precedenti Ritter von Bilinsky
Destino finale affondata 1941
Caratteristiche generali
Dislocamento (standard) 214 t
Lunghezza 43,7 m
Larghezza 5,56 m
Pescaggio 2,3 m
Propulsione apparato a vapore da 423 HP
Velocità 11 nodi nodi
Armamento
Armamento artiglieria:

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Macchi fu varata nei cantieri San Marco di Trieste nel 1899, per l'amministrazione doganale austro ungarica con il nome di Ritter von Bilinsky.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima guerra mondiale fu attivamente impiegata in attività bellica nelle acque triestine, lungo la costa giuliana e friulana e nelle lagune di Grado e Marano con compiti di trasporto, sorveglianza, dragamine e antisommergibile.

Dopo la guerra passò all'Italia e fu assegnata alla Regia Guardia di finanza. Dopo aver fatto parte della Flottiglia Costiera di Trieste con il nome di "Carnaro", fu successivamente trasferita in Sardegna.

Nel secondo conflitto mondiale, all'atto della mobilitazione fu destinata a Trapani, da dove eseguì numerose missioni di scorta convogli per l'Africa Settentrionale.

Il 18 agosto 1941, presso Lampedusa, durante il soccorso di una nave trasporto truppe gravemente danneggiata da un attacco aereo, rimase coinvolta dall'esplosione del carico di munizioni del bastimento, rimanendo distrutta.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1933 venne ribattezzata con il nome del Maggiore Giovanni Macchi, comandante del XX battaglione mobilitato della Guardia di Finanza, caduto sul Pal Piccolo il 14 giugno 1915.

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina