Lymnaea stagnalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lymnaea stagnalis
Spitzschlammschnecke.jpg
Lymnaea stagnalis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Heterobranchia
Infraclasse Euthyneura
Subterclasse Tectipleura
Superordine Hygrophila
Superfamiglia Lymnaeoidea
Famiglia Lymnaeidae
Sottofamiglia Lymnaeinae
Genere Lymnaea
Specie L. stagnalis
Nomenclatura binomiale
Lymnaea stagnalis
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Helix stagnalis, Limnaea stagnalis

Nomi comuni

lumaca di stagno

Lymnaea stagnalis (Linnaeus, 1758) è un mollusco gasteropode d'acqua dolce appartenente alla famiglia Lymnaeidae[2], conosciuta comunemente col nome di lumaca di stagno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Conchiglia di Lymnaea stagnalis

L'altezza della conchiglia di un esemplare adulto varia tra i 45–60 mm di lunghezza anche se la maggior parte delle lumache si mantiene tra i 20 e i 30 millimetri.[senza fonte]

Sistema nervoso[modifica | modifica wikitesto]

Lymnaea stagnalis ha un sistema nervoso semplice e centrale consistente in un totale di circa 20.000 neuroni, molti dei quali sono individualmente identificabili, organizzati in un anello che interconnette i vari gangli cerebrali. Gran parte dei neuroni sono piuttosto grandi (diametro di circa 100 µm), fatto che ha permesso studi approfonditi in materia, in particolare sul funzionamento del meccanismo di lavoro del cervello della lumaca circa azioni relativamente semplici o automatiche come la nutrizione, la respirazione, il movimento e la riproduzione.

Lymnaea stagnalis è utilizzata come organismo modello per lo studio dei meccanismi dell'apprendimento e della memoria nel campo della neurobiologia.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Uova di Lymnaea stagnalis
Due esemplari di Lymnaea stagnalis durante l'accoppiamento. La lumaca in alto ha il ruolo di maschio (donatore di sperma) e il suo organo riproduttivo (Pp) lo si può vedere inserito nella femmina (ricevente dello sperma). Durante l'inseminazione, lo sperma (prodotto dalle vesciche seminali) e il fluido seminale (prodotto dalle ghiandole della prostata) vengono trasferiti per fecondare. Le specie sono ermafrodite e come tale i ruoli di maschio e femmina tornano ad essere neutrali dopo l'accoppiamento.[3]

Lymnaea stagnalis è una specie simultaneamente ermafrodita ove i vari membri sono contemporaneamente maschi e femmine, sebbene durante l'accoppiamento ciascuno dei due individui esibisca un solo ruolo per volta. Questa specie risente dell'effetto Coolidge (comune solitamente ai mammiferi) attraverso il quale sia maschi che femmine esibiscono un potenziale sessuale rinnovato con l'introduzione di nuovi partner ricettivi.

Il prodotto dell'accoppiamento consiste in uova che vengono deposte solitamente sotto foglie di piante acquatiche o attaccate a pareti o rocce. La consistenza del gruppo delle uova è gelatinosa e trasparente, ove le uova sono chiaramente distinguibili a occhio nudo.

Parassiti[modifica | modifica wikitesto]

Lymnaea stagnalis è un ospite intermediario per:

Altri parassiti della Lymnaea stagnalis sono:[5]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie ha un ampio areale oloartico che comprende la maggior parte dell'emisfero boreale, dal Nord America all'Eurasia, spingendosi a sud sino al Nord Africa; è stata inoltre introdotta dall'uomo in Australia e Nuova Zelanda.[1]

Vive unicamente in acque molto ossigenate, sommariamente calme o addirittura stagnanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Seddon, M.B., Van Damme, D. & Cordeiro, J. 2017, Lymnaea stagnalis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  2. ^ (EN) MolluscaBase eds. 2020, Lymnaea stagnalis (Linnaeus, 1758), in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 1º novembre 2020.
  3. ^ (EN) Koene J. M., Sloot W., Montagne-Wajer K., Cummins S. F., Degnan B. M., Smith J. S., Nagle G. T., Maat A. ter, Male Accessory Gland Protein Reduces Egg Laying in a Simultaneous Hermaphrodite, in PLoS ONE, vol. 5, n. 4, 2010, DOI:10.1371/journal.pone.0010117.
  4. ^ (EN) Kudlai O. S., The discovery of the intermediate host for the trematode Moliniella anceps (Trematoda, Echinostomatidae) in Ukraine, in Vestnik zoologii, vol. 43, n. 4, 2009, DOI:10.2478/v10058-009-0014-x.
  5. ^ (EN) Soldanova M., Selbach C., Sures B., Kostadinova A., Perez-del-Olmo A., Larval trematode communities in Radix auricularia and Lymnaea stagnalis in a reservoir system of the Ruhr River, in Parasites & Vectors, vol. 3, n. 56, 2010, DOI:10.1186/1756-3305-3-56.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Juřičková L., Horsák M. e Beran L., Check-list of the molluscs (Mollusca) of the Czech Republic, in Acta Soc. Zool. Bohem., n. 65, 2001, pp. 25-40.
  • Glöer P., Meier-Brook C., Süsswassermollusken, DJN, 2003, ISBN 3-923376-02-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi