Luigi Oggioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Oggioni

Luigi Oggioni (Caltanissetta, 20 marzo 1892 – ...) è stato un magistrato italiano.

È stato procuratore generale nella Repubblica di Salò.[1] Successivamente diventa Primo presidente della Corte di cassazione dal 6 ottobre 1959 al 20 marzo 1962.[2]

Venne quindi nominato giudice della Corte costituzionale dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat il 16 agosto 1966 e ha giurato il 29 settembre 1966.
È stato nominato vicepresidente della Corte il 15 luglio 1975 dal presidente Francesco Paolo Bonifacio. È cessato dalla carica il 29 settembre 1978.[3] È stato presidente del 188 distretto di Roma ovest del Rotary .[4]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 13 marzo 1963[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Volpe, Storia costituzionale degli italiani: II. Il popolo delle scimmie (1915-1945), G. Giappichelli, 8 maggio 2015, pp. 207–, ISBN 978-88-348-6096-0.
  2. ^ Francesco Barbagallo, Storia dell'Italia repubblicana: (2v.) L'Italia nella crisi mondiale. L'ulttimo ventennio, G. Einaudi, 1997.
  3. ^ Sito web della Corte costituzionale: note biografiche vicepresidente.
  4. ^ <cite id="CITEREFISSN 0035838X (WC · ACNP)" class="citation libro" style="font-style:normal"> Rotary International, The Rotarian, Rotary International, August 1964, pp. 43–.
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.