Luigi Marsili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Marsili (13421394) è stato un teologo italiano i cui scritti sono andati tutti perduti. Fu amico intimo di Petrarca, oltre che di Boccaccio[senza fonte]. Egli ricevette in dono dall'aretino un esemplare delle Confessioni di Sant'Agostino.

Vita e pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Uomo di fede ma riformatore, commentatore di canzoni di Petrarca, amante dei classici, Marsili è richiesto più volte come vescovo da Firenze, ma sempre le massime autorità della chiesa si oppongono.

Fu uno dei primi teologi umanisti a sviluppare una cultura laica, profondamente criticata al tempo, e la passione per i classici.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]