Luigi Gatti (armonicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Gatti detto Cianci, nato Alois Steneck (Innsbruck, 30 marzo 1920Bolzano, 8 maggio 2008) è stato un armonicista e cabarettista italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La madre era austriaca, il padre un conte e tenente dell'esercito di stanza ad Innsbruck. Quando il piccolo Alois aveva quattro anni, la madre si trasferì a Bolzano, sposò Rino Gatti e il piccolo venne chiamato all'italiana Luigi.

Ha esordito nel 1941 nella rivista "La radio che scocciatura", al Teatro Comunale di Bolzano, proseguendo la carriera di musicista e macchiettista. Una sua parodia di "Lili Marlene" contro la guerra imminente gli costò dapprima un arresto e un interrogatorio da parte della polizia fascista, in seguito la tortura dei nazisti, nel 1944, quando fu arrestato e internato nel Lager di Bolzano con l'accusa di diserzione. Scampato fortunosamente alla deportazione riprese la sua attività musicale dopo la guerra.
Nel 1956 Luigi Gatti detto "Cianci" vinse il concorso televisivo nazionale "Primo applauso", condotto da Enzo Tortora. Iniziò così una fortunata attività internazionale che lo portò ad esibirsi con l'armonica in Spagna, Jugoslavia, Svizzera, in varie platee italiane e in spettacoli televisivi e radiofonici.
Nel 1968 abbandonò il professionismo artistico per dedicarsi all'insegnamento dell'italiano. In quest'attività Gatti riversò tuttavia la sua esperienza utilizzando ampiamente nelle sue lezioni teatro e musica, con una didattica all'epoca innovativa. Negli anni successivi continuerà comunque ad esibirsi in feste, concerti e sagre alpine, con le sue musiche stralunate, i suoi virtuosismi e le sue poesie.
Nel 2007, alla bella età di 87 anni, "Cianci" si è presentato con la piccola armonica un'ultima volta, al teatro Cristallo di Bolzano, applauditissimo da una folla che si accalcava in piedi e fuori, ancora sempre richiamata dalla sua notorietà e dalla stima.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Teatro che passione!, Dal Piai Giorgio, Provincia autonoma di Bolzano, Bolzano 1987
  • Cianci Gatti, Dietmar Höss, Video film - Produzione Zelig e Blue Star Film, Bolzano 2000
  • Sotto gli occhi della morte, Pantozzi Aldo, (a cura di Taiani Rodolfo) Museo storico di Trento, Trento 2002
  • Suonate pure! Io ho suonato abbastanza... Cianci Gatti. Il racconto di una vita, Sandro Ottoni, Silvana Ed., Milano 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Biografia [1]
  • Galleria foto [2][collegamento interrotto]
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie