Luigi Benaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Benaglio (Bergamo, 1843Bergamo, 1908) è stato un poeta italiano.

Appartenente ad una illustre famiglia comitale bergamasca, che legò il suo nome[senza fonte] ad uno dei colli occidentali della città di Bergamo, Luigi Benaglio scrisse versi dialettali dedicati ai problemi municipali e ai temi politici e culturali che si dibattevano al suo tempo, distinguendosi per la vena ironica, gli accenti polemici e l'acceso anticlericalismo. Le sue spoglie riposano al cimitero di Verdello nella cappella gentilizia dei conti Benaglio. Sulla sua lapide funeraria è incisa la seguente epigrafe: "Rifulsero in lui la genialità dello spirito e la nobiltà d'animo anche nell'avversa fortuna".

Pubblicò i suoi sonetti nel 1880, in una collana dal titolo "Per du butù 'l Giopì l'à pèrs la crapa"

Sposò la contessa Ines Castellani Fantoni, anch'essa poetessa e scrittrice[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A.A.V.V. L'Illustrazione italiana, Volume 24, Parte 1, Edizioni Garzanti, 1897, pag.319

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]