Lo staffato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo staffato
Giovanni Fattori 023.jpg
AutoreGiovanni Fattori
Data1880 circa
Tecnicaolio su tela
Dimensioni90×130 cm
UbicazioneGalleria d'Arte Moderna, Firenze

Lo staffato è un dipinto a olio su tela di Giovanni Fattori, realizzato intorno al 1880 e conservato alla Galleria d'Arte Moderna presso palazzo Pitti, a Firenze.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto rappresenta una scena di cruda realtà in movimento. Il cavallo, forse spaventato da un qualcosa di esterno - si suppone uno sparo - si lancia in un galoppo furioso trascinandosi dietro il suo povero cavaliere che è rimasto impigliato con un piede sulla staffa; a giudicare dall'abito militare e dalla scia di sangue che questi lascia, si può facilmente supporre che sia un soldato che è appena stato ucciso da un cecchino.[1]

Il dipinto può essere diviso in due fasce orizzontali: la terra e il cielo senza il sole. Gli unici accenni di profondità sono dati dai paracarri ai bordi della strada, dalle strisciature del corpo sul terreno, e da una nuvola scura leggermente sfumata. La scena drammatica si svolge nel silenzio di una natura solitaria, scarna e proprio per questo indifferente. Quando il cavallo sarà scomparso dalla scena, nulla ci potrà ricordare quanto accaduto, se non le tracce di sangue miste ai sassi lungo il sentiero. Si tratta di un tragico episodio universale, a tal punto da affermare alla regina Margherita di Savoia: «è così straziante che nessuno potrà soffrirne la vista in un salotto».[1]

Lettura[modifica | modifica wikitesto]

Per via del periodo in cui venne eseguito e per la militanza di Fattori nelle guerre per l'unità d'Italia, il dipinto può essere letto come un'allegoria della fine del Risorgimento e delle guerre «eroiche» che l'avevano contraddistinto. La morte ora è rappresentata non più eroicamente nel mezzo di una battaglia né come finalizzata ad un ideale, ma nella freddezza di una giornata grigia e solitaria, e senza punti di riferimento; persino il cavallo pare lanciarsi dritto dinanzi a sé oltre la curva, come a dire che il futuro non è poi così certo e sicuro come i patrioti l'avevano immaginato. Anche il paesaggio è desolato e spoglio, sottolineando la sostanziale indifferenza della Natura nei confronti delle vicende umane.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c A. Magnani, Lo staffato, Geometrie fluide. URL consultato il 29 dicembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura