Paracarro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paracarro che protegge lo spigolo di un'abitazione a Kitzingen

Il paracarro è un elemento in pietra, cemento o plastica, di forma variabile (cilindrica, parallelepipeda, troncoconica), collocato al margine di una via per delimitarne la carreggiata. Il suo scopo è quello di segnalare e proteggere edifici (ma anche viadotti, fossati, alberi, muriccioli) indicandone la presenza agli automobilisti al fine di salvaguardarne l'incolumità.

Il paracarro, se integro, è ben visibile anche da lontano e nelle ore notturne, perché verniciato in bianco-nero e dotato di catarifrangenti.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

I paracarri furono in uso già molto prima dell'invenzione dei veicoli a motore. Tra le prove di ciò si può ricordare il celebre sonetto di Carlo Porta, del 1814, Paracar che scappee de Lombardia, in cui i militari francesi venivano chiamati con l'appellativo di "paracarri" per un'analogia tra la forma dei paracarri e quella dai loro vistosi copricapi.

Nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Tra le opere del Museo all'aperto Bilotti, allestito nelle strade di Cosenza, vi sono delle sculture di Pietro Consagra intitolate i Paracarri.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "paracarro", nel senso di elemento architettonico stradale fermo e inamovibile, è stato utilizzato in maniera polemica in Formula 1 da Flavio Briatore, nei confronti del pilota Jenson Button[1]. Da quel momento il termine, nell'ambito del giornalismo motoristico, è diventato di uso comune per descrivere un corridore non particolarmente veloce, anche se spesso in maniera antitetica rispetto al significato originale[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Paracarro, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.