Liu Bolin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liu Bolin

Liu Bolin[1] 劉勃麟 (Shandong, 7 gennaio 1973) è un artista cinese, noto per i suoi autoritratti fotografici, caratterizzati dalla fusione del corpo con l'area circostante.

Si è diplomato a Pechino, nel reparto della scultura dell'Accademia Centrale delle Belle Arti.

Liu appartiene alla generazione dei primi anni '90, tempi in cui la Cina rinacque dalle macerie della Rivoluzione Culturale e godette di un rapido sviluppo economico e di una relativa stabilità politica.[2]

Dopo le sue prime mostre a Beijing nel 1998, il talento di Liu godette di una fama e di riconoscenza internazionale. Le sue fotografie e le sue sculture vennero messe in mostra nei festival di fotografia moderna di Arles, nel distretto artistico di Dashanzi a Pechino. Tra le sue mostre personali, da ricordare quella alla galleria d'arte Bertin-Toublanc a Parigi nel 2007, alla Galleria Boxart di Verona (2008), alla Fondazione Forma per la fotografia di Milano (2010)[3], a New York nel 2011, al Museo H. C. Andersen di Roma (2012)[4].

Per celebrare la visita del presidente statunitense Obama in Cina, Liu ritrasse un'effigie in suo onore.[5]

Attualmente Liu Bolin vive a Pechino.

La serie "Hiding in the city" nasce in Cina, come testimonianza della distruzione da parte delle autorità cinesi del villaggio di artisti indipendenti Suojia Arts Camp, dove Liu Bolin risiedeva, nel novembre 2005. Dall'ottobre 2008 Liu Bolin focalizza la sua attenzione sull'Italia, in particolare sulla conservazione del patrimonio storico-artistico del Bel Paese, in contrasto con quanto accade in Cina, in cui la distruzione di quartieri storici è sistematica e fisiologica per far spazio alla nuova edilizia delle megalopoli. Nello stesso anno ha inizio la collaborazione con la galleria Boxart di Verona che dà vita al ciclo derivato "Hiding in Italy" (Nascondersi in Italia). Allo stesso modo, nel giugno del 2011, Liu Bolin crea delle opere intitolate Hiding in New York, nelle quali egli fonde aree simboliche newyorkesi nelle sue opere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Liu" è il cognome.
  2. ^ Hide and seek (PDF), in Shin Production, 2008.
  3. ^ Hiding in Italy (PDF), in Shin Production, 2010.
  4. ^ "A Secret Tour" (Maretti Editore, 2012)
  5. ^ http://www.huffingtonpost.com/2009/11/12/burning-man-obama-video-c_n_355418.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN223473799 · LCCN: (ENno2012007678 · GND: (DE138920184 · BNF: (FRcb16279556z (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie