Litai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Litai (nom. pl. del greco antico Λιτή, «preghiera, orazione») nella mitologia greca erano gli spiriti personificazione delle preghiere.

Secondo Omero, sono figlie di Zeus, rese rugose dal loro stesso pianto. Seguono Ate, dea personificazione dell'Errore, per porre riparo ai suoi danni, ma a causa del loro passo incerto non riescono mai a raggiungerla; si prendono cura, però, di coloro cui Ate ha nuociuto. Durante la guerra di Troia, quando Agamennone cercò di placare l'ira di Achille restituendogli Briseide, rammentò all'eroe che se qualcuno si dimostra inflessibile e respinge le Preghiere, queste si rivolgono a Zeus perché punisca l'impietoso facendolo perseguitare dalla stessa Ate[1].

Secondo Quinto Smirneo sono invece le Erinni a compiere la vendetta delle Litai[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omero, Iliade, IX.502-514.
  2. ^ Quinto Smirneo, Posthomerica, X.300.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca