Lingue paleosiberiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La famiglia linguistica paleo-siberiana, a volte chiamata anche Iperborea, in realtà non ha vere basi linguistiche, ma ha avuto in passato la funzione di contenitore di alcune lingue isolate dell'Asia settentrionale, che si suppone siano i resti delle antiche lingue precedenti alla espansione turco-mongola.

Le lingue che comunemente vi si includono sono:

Solo nel caso del Chukci-Kamchadal si può parlare di reale affinità linguistica, ed inoltre è stato proposto che il Chukci-Kamchadal sia la propaggine orientale delle Lingue turche (ipotesi di Bouda), ma questa proposta non è universalmente accettata.

Da recenti ricerche, il Ket sembra essere una lingua na-dene-caucasica.

L'Ainu mostra somiglianze con le lingue Altaiche, con il giapponese, l'Indoeuropeo, le lingue austroasiatiche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]