Lingue paleosiberiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La superfamiglia linguistica paleosiberiana, a volte chiamata anche paleoasiatica, ha la funzione di "contenitore" di alcune lingue isolate dell'Asia settentrionale, che discendono da antichi idiomi aventi una protolingua distinta sia da quella nostratica che da quella dene-caucasica. Si tratta infatti di idiomi precedenti all'arrivo delle lingue uralo-altaiche e delle lingue ienisseiane. La protolingua di queste arcaiche lingue, il paleosiberiano, sarebbe stata parlata in Siberia 10 000 anni prima di Cristo, alla fine del Paleolitico.

Le lingue che comunemente vi si includono sono:

Solo nel caso del Ciukcio-Kamciadal si può parlare di affinità linguistica a tutti gli effetti.

L'Ainu potrebbe appartenere lingue altaiche, mentre lo Jukaghiro potrebbe appartenere alle lingue uraliche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4120305-7