Lingua orok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua orok
Parlato in Russia
Regioni Sachalin
Locutori
Totale 47 (2010)
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto cirillico
Tassonomia
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue tunguse
Codici di classificazione
ISO 639-3 oaa (EN)

La lingua orok,[1] detta anche oroc, uilta, ujlta o ulta,[2] è una lingua tungusa parlata in Russia, sull'isola di Sachalin.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento russo del 2010 risultavano 47 locutori stanziati sull'isola di Sachalin, nel Poronajskij rajon e nel Noglikskij rajon.[2]

Ci sono un certo numero di Orok che vivono sull'isola giapponese di Hokkaido in Giappone ma non è chiaro quanti parlino ancora la lingua, per la Novikova[3] il numero è incerto, mentre Lewis[2] riferisce di tre locutori.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono due dialetti della lingua orok: il poronaisk (orok meridionale) ed il val-nogliki o nogliki-val (orok settentrionale parlato nella parte orientale di Sachalin e ad Hokkaido).[2]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

È una lingua del gruppo delle lingue tunguse appartenenti alla famiglia delle lingue altaiche, fortemente collegata con la lingua nanai e con la lingua ulch.

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua orok è la seguente:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Orok parlano anche il russo, mentre l'orok è usato soprattutto dai membri delle vecchie generazioni. L'orok è anche la lingua della letteratura orale tradizionale.

Oggi la lingua orok è insegnata in una scuola dell'isola di Sachalin.

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Una forma di lingua scritta, basata sull'alfabeto cirillico, è stata introdotta nel 2007[2] ed un sillabario per le scuole primarie è stato stampato.

L'alfabeto cirillico introdotto nel 2007 è il seguente:[4]:

Orok alphabet 2008.svg


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ URSS - Enciclopedia Italiana - V Appendice (1995) su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b c d e f (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Orok in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  3. ^ Novikova, 1997
  4. ^ Уилтадаирису (in Russo; consultato il 27/5/2012) ([1])

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • K.A. Novikova, L.I. Sem. Oroksky yazyk // Yazyki mira: Tunguso-man'chzhurskie yazyki. Moscow, 1997. (Russian)