Lingua orok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua orok
Parlato in Russia
Regioni Sachalin
Persone 47 (2010)
Scrittura Alfabeto cirillico
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue tunguse
Codici di classificazione
ISO 639-3 oaa  (EN)
SIL oaa  (EN)

La lingua orok,[1] detta anche oroc, uilta, ujlta o ulta,[2] è una lingua tungusa parlata in Russia, sull'isola di Sachalin.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento russo del 2010 risultavano 47 locutori stanziati sull'isola di Sachalin, nel Poronajskij rajon e nel Noglikskij rajon.[2]

Ci sono un certo numero di Orok che vivono sull'isola giapponese di Hokkaido in Giappone ma non è chiaro quanti parlino ancora la lingua, per la Novikova[3] il numero è incerto, mentre Lewis[2] riferisce di tre locutori.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono due dialetti della lingua orok: il poronaisk (orok meridionale) ed il val-nogliki o nogliki-val (orok settentrionale parlato nella parte orientale di Sachalin e ad Hokkaido).[2]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

È una lingua del gruppo delle lingue tunguse appartenenti alla famiglia delle lingue altaiche, fortemente collegata con la lingua nanai e con la lingua ulch.

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua orok è la seguente:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Orok parlano anche il russo, mentre l'orok è usato soprattutto dai membri delle vecchie generazioni. L'orok è anche la lingua della letteratura orale tradizionale.

Oggi la lingua orok è insegnata in una scuola dell'isola di Sachalin.

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Una forma di lingua scritta, basata sull'alfabeto cirillico, è stata introdotta nel 2007[2] ed un sillabario per le scuole primarie è stato stampato.

L'alfabeto cirillico introdotto nel 2007 è il seguente:[4]:

Orok alphabet 2008.svg


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ URSS - Enciclopedia Italiana - V Appendice (1995) su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b c d e f (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Orok in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  3. ^ Novikova, 1997
  4. ^ Уилтадаирису (in Russo; consultato il 27/5/2012) ([1])

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • K.A. Novikova, L.I. Sem. Oroksky yazyk // Yazyki mira: Tunguso-man'chzhurskie yazyki. Moscow, 1997. (Russian)