Leptocleidus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leptocleidus
Leptocleidus1DB.jpg
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Reptilia
Superordine Sauropterygia
Ordine Plesiosauria
Famiglia Leptocleididae
Genere Leptocleidus
Specie
  • L. superstes
  • L. capensis
  • L. clemai

Il leptocleido (gen. Leptocleidus) è un rettile marino estinto, appartenente ai pliosauri. Visse nel Cretaceo inferiore (120 – 110 milioni di anni fa); i suoi resti sono stati rinvenuti in Inghilterra, Sudafrica e Australia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale, generalmente della taglia di una focena (anche se la specie Leptocleidus clemai poteva superare i tre metri di lunghezza), aveva un aspetto primitivo rispetto a quello degli altri pliosauri, nonostante sia apparso nella documentazione fossile così tardi. Rispetto a generi come Pliosaurus, il capo era ancora corto, mentre il collo era relativamente lungo. Sul cranio triangolare era presente una cresta distintiva, mentre il corpo era piccolo e compatto, con zampe trasformate in pagaie.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione del cinto pelvico di Leptocleidus superstes

Il leptocleido è stato descritto per la prima volta nel 1922 da Andrews, e subito sono stati riscontrati caratteri di primitività; sembra che questi animali di taglia medio – piccola fossero i discendenti dei grandi romaleosauridi del Giurassico inferiore, che rappresentarono i primi grandi pliosauri predatori.

Cranio di Leptocleidus capensis in vista dorsale

Di questo animale sono note varie specie: Leptocleidus superstes dell'Inghilterra, L. capensis del Sudafrica (precedentemente noto come Peyerus) e L. clemai dell'Australia. L'esemplare fossile noto con il soprannome di “Eric”, proveniente anch'esso dall'Australia e conservato in opale, è stato ascritto a questo genere ma poi riclassificato in un genere a sé stante, Umoonasaurus.

Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

A causa delle dimensioni e della morfologia di questo animale, gli studiosi ritengono che il leptocleido fosse un piccolo predatore che abitava le acque costiere, gli estuari o addirittura le acque dolci. Probabilmente questi animali predavano piccoli pesci o cefalopodi simili a calamari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrews, C W. 1922. - Description of a new plesiosaur from the Weald Clay of Berwick (Sussex). Q. Jour. Geol. Soc. London. 78:285-98.
  • Cruickshank A R I, Fordyce R E, and Long J A. 1999. - Recent developments in Australasian sauropterygian palaeontology (Reptilia: Sauropterygia). Rec. W. Aus. Mus. Suppl. 57:201-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili