Lemma (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una definizione del termine tarimba nel Vocabulario Portuguez e Latino dell'erudito Raphael Bluteau (1638-1734). Il lemma è evidenziato dall'uso del maiuscoletto.
Un esempio moderno di lemma, in un dizionario inglese-giapponese. Il lemma è evidenziato dall'uso del grassetto.

In lessicografia, il lemma (dal greco lêmma, 'titolo', poi in latino lemma, 'argomento', 'tema'), detto anche esponente, voce lessicale o (all'inglese[1]) entrata, è la forma di citazione di una parola in un dizionario[2].

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Il lemma può essere costituito da una o più parole grafiche, anche se alcune tradizioni lessicografiche tendono a escludere lemmi multilessicali (come tic-tac o pro capite)[3]. Da un punto di vista tipografico, il lemma viene evidenziato graficamente: figurando come titolo di una voce o articolo di enciclopedia o dizionario, viene spesso esaltato dal grassetto e dall'uso di maiuscole, il che ne permette un più facile reperimento[2].

Solo nel caso una data parola abbia più forme flessionali, la scelta del lemma che deve rappresentarle tutte avviene secondo criteri di "lemmatizzazione", diversi da lingua a lingua[2]. Per esempio, la forma di citazione del verbo:

  • in alcune lingue è l'infinito presente: mangiare in italiano, manger in francese, comer in spagnolo, eat in inglese[4] ecc.;
  • in altre lingue è la prima persona dell'indicativo presente: τρώω ('io mangio', in greco moderno), edo (sempre 'io mangio', stavolta in latino).

In italiano:

  • il lemma del nome è il maschile o il femminile singolare (per esempio: viso, favola)
  • il lemma degli aggettivi è:
    • il maschile singolare per gli aggettivi a quattro uscite (per esempio: bello, primo);
    • il singolare per gli aggettivi a due uscite (per esempio: utile, presente).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In questo senso lessicografico, entrata è infatti un calco dell'inglese entry.
  2. ^ a b c Beccaria, Dizionario, cit., pp. 443-444.
  3. ^ Carla Marello, L’ideologia del lemma ideale. Ovvero i pre-giudizi sui lemmi multilessicali - Convegno IdeoLex "Lessicografia e ideologia: tradizione e scelte d'autore", su IdeoLex.CLIRO.UniBO.it, 10-12 marzo 2010. URL consultato il 24 agosto 2018.
  4. ^ È il cosiddetto bare infinitive, letteralmente 'il nudo infinito', cioè senza l'elemento to che compone to eat in un esempio di to-infinitive. Cfr. The Infinitive Form, in ucl.ac.uk/internet-grammar, University College London.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4167354-2
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica