Legge 9 dicembre 1998, n. 426

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Legge 426/98)
Jump to navigation Jump to search

La legge 426/98 "Nuovi interventi in campo ambientale", pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n°291 del 14 dicembre 1998, istituisce 16 interventi di bonifica di interesse nazionale:

  1. Venezia (Porto Marghera): stabilimenti petrolchimici della Enichem e della Montedison.
  2. Napoli orientale;
  3. Gela e Priolo: il polo petrolchimico di Gela nacque in seguito alla scoperta di un giacimento di petrolio nella zona, e produce concimi chimici e polimeri per le materie plastiche; il polo petrolchimico siracusano sorge su tre comuni (Augusta, Priolo Gargallo e Melilli) e produce carburanti.
  4. Manfredonia;
  5. Brindisi;
  6. Taranto;
  7. Cengio e Saliceto: ex siti industriali dell'ACNA (Azienda Coloranti Nazionali ed Affini). L'azienda ha prodotto esplosivi e coloranti dal 1882 al 1999.
  8. Piombino;
  9. Massa e Carrara;
  10. Casale Monferrato: fabbrica di Eternit.
  11. Litorale Domizio-Flegreo e Agro aversano (Caserta-Napoli);
  12. Pitelli (La Spezia);
  13. Balangero;
  14. Pieve Vergonte: lo stabilimento chimico di Pieve Vergonte ha scaricato per anni il DDT nel vicino torrente Toce.