Lega Italica (storia romana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lega Italica
The Growth of Roman Power in Italy.jpg
Dati amministrativi
Lingue ufficialilatino
CapitaleCorfinio
Politica
Forma di StatoConfederazione
Forma di governoRepubblica
ComandanteQuinto Poppedio Silone
Nascita91 a.C. con Quinto Poppedio Silone
CausaGuerra sociale
Fine88 a.C. con Quinto Poppedio Silone
CausaGuerra sociale
Territorio e popolazione
Bacino geograficoItalia
Territorio originaleItalia centrale
Economia
ValutaMonetazione della guerra sociale
Commerci conGreci
Religione e società
Religioni preminentireligione romana
Evoluzione storica
Preceduto daRepubblica Romana
Succeduto daRepubblica Romana
Ora parte diItalia Italia

La lega italica (91-88 a.C.) fu un'alleanza conclusa tra i vari popoli dell'Italia centrale per combattere i romani ai quali si erano ribellati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra sociale.

Di questa lega facevano parte Marsi, Peligni, Vestini, Marrucini, Asculani, Frentani, Pentri, Irpini, Venusini, Iapigi, Pompeiani e Lucani.[1] Dapprima i ribelli scelsero come loro città di rappresentanza Corfinio, ma successivamente, quando fu liberato dai romani l'allora capoluogo sannita Isernia, ne fecero la loro capitale.

Monetazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monetazione della guerra sociale.

La lega italica forgiò anche una serie di monete per marcare la propria indipendenza da Roma, recanti in epigrafe la legenda Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lega italica Archiviato il 25 maggio 2009 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma