Le mille e una notte (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le mille e una notte
Le mille e una notte (Senya Ichiya Monogatari) 1969.JPG
Una scena del film d'animazione
Titolo originaleSenya Ichiya Monogatari
Paese di produzioneGiappone
Anno1969
Durata128 min
Genereanimazione, erotico, fantastico
RegiaEiichi Yamamoto
SceneggiaturaOsamu Tezuka, Akira Tsuchiya, Hiroyuki Kumai
ProduttoreOsamu Tezuka, Atsushi Tomioka
Casa di produzioneMushi Production
MusicheIsao Tomita
AnimatoriAkira Tsuchiya
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Le mille e una notte (千夜一夜物語 Senya Ichiya Monogatari) è un film di animazione del 1969 diretto da Eiichi Yamamoto e concepito da Osamu Tezuka.

Il film fu prodotto dallo studio di animazione di Tezuka, la Mushi Production, e appartiene al filone conosciuto come Animerama[1] (アニメラマ) di cui fu capostipite. Gli animerama, sono un tipo di anime a sfondo erotico, dedicati esclusivamente ad un pubblico adulto, e animati con uno stile sperimentale, influenzato dalla cultura pop.

Il lungometraggio si ispira alla raccolta di novelle Le mille e una notte.

Esiste una versione del film doppiata in italiano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film racconta in chiave erotica la famosa raccolta di novelle "Le mille e una notte": Aladino è un venditore ambulante di acqua, che si innamora di una donna Miriam vista a un mercato di schiavi a Baghdad ma Havahslakum, figlio del capo della polizia, la compra. Prima che possa portarla a casa, una tempesta di sabbia interrompe l'asta. Aladino tra la confusione riesce a trovare Miriam salvandola dalla schiavitù. Viene la sera Aladino e Miriam si nascondono in una casa apparentemente vuota e lì consumano il loro primo rapporto sessuale senza accorgersi di essere stati sorvegliati dal padrone della casa, Suleiman, che li blocca e quando arrivano Havahslakum e le sue guardie le vite dei due amanti si dividono bruscamente: Miram finisce nelle sue mani e Aladino viene mandato in prigione dove viene torturato per essere sospettato dell'omicidio del sultano. Dopo questa separazione Miram partorirà una bambina morendo e Aladino viene liberato e incontra Budley nel deserto che lo minaccia ucciderlo, ma gli mostra pietà e lo lascia andare. Poi l'uomo trova una grotta trova la grotta di dove vive Kamarkim e i quaranta ladroni. Aldino lo segue e facendo conoscenza di Mardia, una giovane donna ladro, che lo minaccia di uccidere ma Aladino la convince a vedere il mondo con lui. Così i due volano via su un cavallo magico fatto di legno. Mentre volano sopra l'oceano, vengono catturati da dei misteriosi capelli vivi li di cui riescono a liberarsene; poi arrivano su un'isola,abitata solo da donne affascinati e sensuali, dove la loro regina li invita rimanere, ma Mardia non si fida della donna così lascia Aladino sull'isola insieme alla regina e alla donne con le quali fa sesso; però la regina proibisce ad Aladino di non entrare di notte nella sua camera nemmeno nei boschi, ma l'uomo preso dalla curiosità scopre la scopre trasformasi in un grande serpente bianco così come tutte le donne dell'isola riesciuscendo per sua fortuna a scappare gettandosi in mare.

In seguito l'uomo viene raccolto dai dei marinai scoprendo che si tratti di una nave magica che lo porterà ovunque e soddisferà quasi tutti i suoi desideri. Nel frattempo, 15 anni dopo un pastore di pecore di nome Aslarn chiede a due esseri mutaforma, di cui l'essere femminile se ne innamora, di portargli la principessa di Baghdad ma durante il teletrasporto le cose vanno male. Durante questo periodo Aldino organizza e partecipa a una competizione a Baghdad, il cui vincitore diventerà re coinvolgendo anche Aslarn che vince la gara ingannando il suo avversario allora l'uomo decide di costruire una torre ma non si sente preparato per le le pressioni della regalità e decide di tornare a viaggiare da solo lasciando il trono a Aslarn e a Jaris ,che scoprirà poi di essere sua figlia avuta da Miriam.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ アニメラマ三部作, su columbia.jp. URL consultato l'8 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]