Laurence D. Fink

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laurence Douglas "Larry" Fink

Laurence Douglas "Larry" Fink (Los Angeles, 2 novembre 1952) è un dirigente d'azienda statunitense, cofondatore e presidente del colosso finanziario BlackRock. Forbes lo pone nel 2018 come il 28° uomo più potente del mondo.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia di origine ebraica, il padre era proprietario di un negozio di scarpe, la madre un'insegnante di inglese,[2] ha studiato scienze politiche presso l'Università della California, Los Angeles. Ottenuto l'MBA presso la Graduate school of management dello stesso istituto, dapprima ha lavorato presso la First Boston, una grande banca di investimenti con sede a New York. Dello stesso istituto di credito ha assunto cariche direttive fino a diventare il direttore generale e membro del comitato di gestione. Nel 1988, a causa di una perdita di 100 milioni di dollari all'interno del dipartimento da lui diretto, avendo lui stesso considerato una performance dei tassi di interesse in rialzo ma che invece crollarono verticalmente, si dimette dall'incarico e fonda BlackRock, come spin-off di Blackstone.

Larry Fink (terzo da destra) al Wilson Awards nell'aprile 2010

Nel 2006 ingloba Merrill Lynch Investment Managers (raddoppiando così gli asset della società) e nel 2009 Barclays Global Investors che porta in dote iShare, uno dei maggiori fornitori di ETF al mondo. Diventando il più grande gestore di risparmio del mondo.[3] Secondo Forbes, nel 2018 il fondo gestisce 5,4 bilioni di dollari.[1]

La sua visione evoluta del modello di banca di investimenti si è raffinato a tal punto che oggi la società da lui gestita rappresenta uno dei leader mondiali nell'asset management.[2] Sia Forbes che Business Week gli hanno dedicato, negli anni passati, un consistente numero di articoli.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato dal 1970 con Lori, dalla quale ha avuto 3 figli; Joshua, il primogenito, ricopre incarichi direttivi nell'Hedge Fund Enso Capital, del quale il padre è azionista di riferimento.[2] Nel 2017 Larry Fink ha guadagnato 27,9 milioni di dollari.[4]

Si dichiara democratico, ed è coinvolto negli organi di gestione di ospedali e associazioni di volontariato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Larry Fink, su forbes.com, marzo 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.
  2. ^ a b c Larry Fink, lo stratega di Wall Street che sogna di diventare Warren Buffett, su ilsole24ore.com, 11 febbraio 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.
  3. ^ Chi è Laurence Fink, padre del fondo che potrebbe comprare l'Italia, su linkiesta.it, 20 marzo 2014. URL consultato il 24 luglio 2018.
  4. ^ (EN) BlackRock Ceo Larry Fink's pay by 9 percent in 2017, su reuters.com, 13 aprile 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]