Lamberto I di Nantes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lamberto I (morto nel 836) fu Conte di Nantes e prefetto della marca di Bretagna tra l'818 e l'831, in seguito Duca di Spoleto dall'834 alla morte. Lamberto era succeduto a suo padre Guido di Nantes.

Lamberto partecipò ad una spedizione di Ludovico il Pio nel 818 contro i Bretoni che avevano proclamato Morvan Lez-Breizh come loro re. Nell'822 un nuovo capo bretone Wiomarc'h si ribellò, ma si sottomise nell'825 ad Aquisgrana, ma durante il suo ritorno in Bretagna, Lamberto lo fece assassinare.

Nell'831 Lamberto appoggiò la ribellione di Lotario I contro Ludovico il Pio e perciò venne esiliato in Italia[1] dove però in compenso ottenne il Ducato di Spoleto nell'834 dando così inizio alla dinastia dei Guideschi. Due anni dopo morì per una epidemia che aveva colpito la maggior parte delle persone nell'entourage di Lotario.

Matrimoni e parentele[modifica | modifica wikitesto]

Il primo matrimonio di Lamberto fu con una certa Itta, la quale gli partorì il successore nella Contea di Nantes, Lamberto II di Nantes.

Il secondo matrimonio fu con Adelaide, figlia maggiore di Pipino d'Italia, a sua volta figlio più anziano di Carlomagno. Adelaide gli partorì il successore nel Ducato di Spoleto, Guido II di Spoleto, che attraverso la madre aspirò al trono imperiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Carolingian Kingdoms(840-877), Rene Poupardin, The Cambridge Medieval History: Germany and the Western Empire, Vol. 3, Ed. J. B. Bury, (MacMillan Company, 1922), 47.