Lago di Paola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lago di Sabaudia)
Jump to navigation Jump to search
Lago di Paola
Lago paola.JPG
Tipo di areaZona umida
Class. internaz.IT6040015
StatiItalia Italia
RegioniLazio Lazio
ProvinceLatina Latina
Superficie a terra1,474 ha
Provvedimenti istitutiviDPR 13 marzo 1976, n. 448; DPR 11 febbraio 1987, n. 184
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°16′N 13°01′E / 41.266667°N 13.016667°E41.266667; 13.016667

Il lago di Paola (detto anche "laguna di Sabaudia" o "lago di Sabaudia") è un lago salmastro costiero in provincia di Latina, nel Lazio.

Ha una superficie di circa 3,9 km² (completamente compresa all'interno del comune di Sabaudia e del parco nazionale del Circeo), un perimetro di circa 20 km, una profondità media di 4,5 metri ed una profondità massima di 10 metri. È separato dal mare dalla duna litoranea e il ricambio idrico è assicurato da 2 canali artificiali: la foce del Caterattino e la foce del canale Romano a Torre Paola. Collegato al vicino lago di Caprolace tramite il Canale di Fossa Augusta, insieme ad esso e agli altri 2 laghi di Fogliano e dei Monaci, fa parte di una Zona Umida di interesse Internazionale. È vietata la navigazione a motore e ospita una ricca produzione di itticoltura con mitili e ostriche. È sede di canottaggio e sport della vela.

Il lago di Paola è dal 1888 proprietà della famiglia Scalfati, che ha acquistato il bacino lacustre dal cavalier Giachetti, dopo che lo Stato italiano lo aveva alienato nel 1881.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'uomo è presente sulle rive del lago fin dalla preistoria. Ritrovamenti di antiche ville e cisterne risalgono addirittura al I secolo a.C., mentre per il Canale Romano dovremo aspettare l'imperatore Nerone, che ne ordinò la costruzione, probabilmente per creare un percorso di navigazione sicuro dal porto di Ostia fino al lago di Averno. L'ambizioso progetto fu abbandonato quando la capitale dell'Impero venne spostata a Costantinopoli e iniziarono le invasioni barbariche.

Tra il XII e il XIV secolo furono i monaci benedettini a ristabilirsi sulle sue rive, nel Santuario della Sorresca, e qui avviarono una prima attività ittica. Successivamente, Papa Bonifacio VIII affidò il lago alla famiglia Caetani, in quanto rientrava all'interno del Feudo del Circeo. L'area del lago era paludosa e malsana, per questo l'Amministrazione Pontificia avviò i lavori di bonifica e nel 1721 ripristinò il Canale Romano, ma fu solo grazie ai lavori di bonifica dell'Agro Pontino che il lago di Paola assunse l'aspetto odierno.

Nel 1888 Clementino Scalfati acquistò il lago, che divenne oggetto di un lungo contenzioso giuridico, oggi concluso con il riconoscimento dei diritti della famiglia.

Flora e Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione che caratterizza le rive di questo lago è la tipica macchia mediterranea, resistente al tipo di terreno e alla forte salinità delle sue acque. La fauna è composta da: tassi, volpi, ma soprattutto da uccelli che si fermano a svernare proprio sulle sue acque.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lago di Paola s.jpg

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

http://www.proprietascalfati.it/