Lago Ravasanella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago Ravasanella
Lago ravasanella.jpg
Il lago Ravasanella
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Provincia Vercelli Vercelli
Biella Biella
Comune Roasio (VC); Curino e Sostegno (BI).
Coordinate 45°37′56″N 8°15′41″E / 45.632222°N 8.261389°E45.632222; 8.261389
Altitudine 325 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0,31 km²
Lunghezza 2,56 km
Larghezza 0,6 km
Profondità massima 50,7 m
Sviluppo costiero 6.92 km
Idrografia
Origine sbarramento artificiale[1]
Bacino idrografico 6,7 km²
Immissari principali Riale Ravasanella
Emissari principali Riale Ravasanella
Isole no
Mappa di localizzazione: Italia
Lago Ravasanella
Lago Ravasanella

Il lago Ravasanella è un invaso artificiale situato all'altezza di 325 m s.l.m. che sbarra la Riale Ravasanella nei pressi del confine tra la provincia di Biella e quella di Vercelli. La diga e la maggior parte dello specchio d'acqua ricadono in comune di Roasio (VC), ma la parte più a monte del bacino lacustre sconfina nei comuni di Curino e di Sostegno (BI).[2]

Origine e collocazione[modifica | modifica wikitesto]

La diga vista da est

La Riale Ravasanella è uno dei corsi d'acqua che danno origine al torrente Rovasenda, a sua volta tributario del Cervo; anche altri corsi d'acqua minori contribuiscono però ad alimentare il bacino. L'invaso è stato realizzato negli anni '80 del Novecento per scopi irrigui e ha un perimetro di 6,92 km, con lunghezza massima di 2,56 km e larghezza massima 600 m; il massimo volume invasato è di 5,5 milioni di metri cubi. Viene gestito dal consorzio di bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese[1] il quale lo utilizza per alimentare la propria rete di canali irrigui a servizio della risicoltura dell'alta pianura biellese e vercellese. Il centro abitato più prossimo alla diga è Castelletto Villa, una frazione di Roasio.

Escursionismo e pesca[modifica | modifica wikitesto]

La Riale Ravasanella nei pressi del lago in un periodo di magra

Una breve ma piacevole escursione permette di raggiungere la parte più a monte del lago discendendo lungo il corso della Riale Ravasanella a partire dalla strada che collega Curino con Sostegno. L'invaso è dominato a est dal dosso di San Bernardo (464 m), sul quale sorge l'omonima cappella e dove transita la G.t.B..[3]
Il lago è piuttosto pescoso e sono presenti carpe, tinche e lucci, anche di notevoli dimensioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Piano di tutela delle acque (AI 18 - Cervo); Regione Piemonte - Direzione Pianificazione delle Risorse Idriche - 2007 (on-line in formato .pdf) Archiviato il 29 ottobre 2013 in Internet Archive.
  2. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  3. ^ Carta dei sentieri della Provincia di Biella 1:25.00 - Biellese centro-orientale, Provincia di Biella, 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte