La briscola in cinque

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La briscola in cinque
Autore Marco Malvaldi
1ª ed. originale 2007
Genere romanzo
Lingua originale italiano
Ambientazione paese di Pineta, in Toscana
Serie I delitti del BarLume
Seguito da Il gioco delle tre carte

La briscola in cinque è un romanzo scritto nel 2007 da Marco Malvaldi, e pubblicato da Sellerio Editore[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è ambientato in una località della costa toscana, l'immaginaria Pineta. Da un cassonetto dell'immondizia sporge il cadavere di una ragazza. L'omicidio, a causa della condotta licenziosa della vittima, assume l'aspetto di un intrigo di droga e sesso e i sospetti cadono sugli amici e i frequentatori di una discoteca. Ma l'indagine prende una piega diversa in seguito alle chiacchiere dei vecchietti che stazionano tutto il giorno al BarLume, il cui proprietario Massimo Viviani si ritrova, suo malgrado, coinvolto e diventa il vero investigatore, aiutato dalle chiacchiere irriverenti, in vernacolo pisano, dei quattro pensionati.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Viviani (il barista)
  • Ampelio Viviani (nonno di Massimo, ex ferroviere)
  • Pilade Del Tacca (ex impiegato del comune)
  • Aldo Griffa (anziano proprietario di un famoso ristorante di pesce)
  • Gino Rimediotti (ex portalettere)
  • Tiziana (la banconiera)
  • Vinicio Fusco (il commissario)
  • Alina Costa
  • Arianna (madre di Alina)
  • Walter Carli (il dottore)

I romanzi della serie del BarLume[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Malvaldi - La briscola in cinque, Sellerio editore. URL consultato l'11 maggio 2015.