Léon Robin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Léon Robin, all'anagrafe Léon Eglié Eugène Robin (Nantes, 17 gennaio 18661947), è stato un filosofo francese.

Robin, era il figlio di un mercante[1], ha iniziato il suo insegnamento presso la Facoltà di Lettere a Parigi nel 1913. Nel 1924 ha assunto la cattedra di storia della filosofia antica, che aveva trascorso dopo la morte di Louis Rodier nel 1913[1]. Nel 1927 è stato professore presso l'Università della Pennsylvania. Si ritirò dalla cattedra di Parigi e al suo posto è andato Pierre-Maxime Schuhl[2]. Robin successivamente è stato Direttore dell'Istituto Internazionale di Filosofia[3].

Léon Robin ha tradotto i dialoghi di Platone in francese.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La Théorie platonicienne des Idées et des nombres d'après Aristote, Parigi, F. Alcan, 1908.
  • La Théorie platonicienne de l'amour, Parigi, 1908.
  • La Pensée grecque et les Origines de l'esprit scientifique, Parigi, Renaissance du livre, 1923.
  • Platon, Parigi, F. Alcan, 1935.
  • La Morale antique, Paris, F. Alcan, 1938.
  • La Pensée hellénique, des origines à Épicure, Paris, 1942.
  • Questions de méthode, de critique et d'histoire, Paris, Presses universitaires de France, 1944.
  • Pyrrhon et le scepticisme grec, Parigi, 1944.
  • Aristote, Parigi, Presses universitaires de France, 1944.
  • Œuvres complètes de Platon, traduction nouvelle et notes par Léon Robin, Parigi, Gallimard, Bibliothèque de la Pléiade, 1950 (2 vol.).
  • Les Rapports de l'être et de la connaissance d'après Platon, Parigi, 1957.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cristina Chimisso, Writing the history of the mind: philosophy and science in France, 1900 to 1960s, 2008, p. 24-26
  2. ^ Denis O'Brien, 'Apologia pro vita sua', in Agonistes: Essays in honour of Denis O'Brien, Ashgate, 2005, p. xii
  3. ^ Joseph Bochenski, Contemporary European philosophy, University of California Press, 1969, p. 263

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12314476 · ISNI (EN0000 0001 1038 4480 · LCCN (ENn86807034 · GND (DE1055328807 · BNF (FRcb11922232x (data) · BNE (ESXX1074382 (data) · NLA (EN35456478 · BAV ADV10003838 · WorldCat Identities (ENlccn-n86807034