L'inizio è in autunno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'inizio è in autunno
AutoreFrancesca Sanvitale
1ª ed. originale2008
Genereromanzo
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneRoma

L'inizio è in autunno è un romanzo della scrittrice italiana Francesca Sanvitale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michele, di professione psichiatra, trascorre tre mesi lontano dal suo lavoro attivo per scrivere un libro. Irrequieto, una sera al crepuscolo, scopre un piccolo ristorante che gli sembra l'ideale per venire a cena. Michele è divorziato, non ha figli e vive con la sorella minore che però è fidanzata e passa a casa poco tempo. Al ristorante arriva anche un altro avventore di aspetto asiatico. i due uomini mangiano per alcune sere gli stessi cibi consigliati dal cameriere, poi l'uomo si fa avanti con una bottiglia di armagnac e si presenta: è un restauratore, ha partecipato al restauro della Cappella Sistina e si chiama Hiroshi.

Questo fatto, assieme a una stranezza compiuta dalla sorella, rende Michele sempre più inquieto; gli sembra che i casi da lui esposti nel libro che scrive siano molto discutibili e non provino affatto che la sua scienza è intervenuta a guarirli. Colto da una vera e propria crisi di autostima, una sera arriva a prendere con sé un cane sconosciuto e a pensare che lo terrà per sempre, mentre l'animale scappa alla prima occasione e il dottore si chiede se l'episodio sia vero oppure sia un sogno. Quando Hiroshi lo invita a casa sua per fargli conoscere la famiglia, egli accetta di buon grado. Hiroshi vive con la moglie Karen, una danzatrice, e con Miriam, sorella adottiva di Karen, che ha già visto al ristorante una sera. In precedenza Miriam era sposata con Hiroshi, ma il matrimonio si era sciolto dopo il periodo dei restauri romani.

Michele continua a essere deconcentrato nel lavoro e un amico, Guido, cerca di rimetterlo in carreggiata. Ma le emozioni per le nuove conoscenze, unite al fatto che la sorella Beatrice si è lasciata con il fidanzato e sta vivendo una storia con un ragazzo albanese molto più giovane di lei, lo mettono in tale crisi che incomincia ad interessarsi all'affresco e vuole ad ogni costo che Hiroshi gli racconti la sua avventura. Hiroshi però gli narra di essere stato allontanato dal servizio dopo che, a causa di un malore, mentre avrebbe dovuto lavorare al volto di Cristo, si era ritrovato il riquadro totalmente cancellato. Non potendo spiegarsi l'accaduto, visto che era rimasto svenuto per ore, aveva visto il direttore degli affreschi conferire con il camerlengo ed entrambi erano poi andati dal papa per sapere come regolarsi: l'alternativa poteva portare a un falso artistico (cioè il rifacimento del volto scomparso) oppure a una scomoda, ma onesta verità. Intanto Hiroshi era gravemente malato e assistito da Miriam; alla fine di una settimana aveva saputo che lo liquidavano economicamente e gli avevano trovato altri importanti lavori all'estero.

Michele non si sente troppo preso dalla storia e anzi si chiede se non abbia trovato un altro caso psichiatrico: Hiroshi avrebbe coltivato questa avventura nella sua mente. Una visita alla Cappella Sistina, preceduta da un'attenta preparazione, aveva agito sullo psichiatra in modo molto controverso, convincendolo che il volto del Cristo era autentico, oppure falso, a seconda di come Michele si sentiva interiormente. Infatti aveva visto più avanti anche Miriam piangente e questo lo spingeva a pensare che la donna compatisse l'ex marito, impazzito e staccatosi da lei, che pure era malata di cancro al cervello e non sarebbe vissuta più di due anni.

L'incontro con Miriam chiarisce a Michele varie cose, ma soprattutto che è innamorato di lei. Dato che Hiroshi e Karen stanno per andare a Parigi, Michele vuole portare con sé Miriam e prendersene cura. A tale proposito interpella la sorella Beatrice e lei si dichiara molto desiderosa di condividere il tempo con un'amica (il giovanissimo albanese è partito a cercare lavoro in Germania e Beatrice ne soffre). Comincia dunque per Michele una convivenza molto intensa con la donna che ama, che mai gli si rifiuta, che però deve fare costantemente la chemioterapia. Inoltre Miriam dipinge e in una stanza vuota della casa si possono vedere i suoi lavori: teste insanguinate e bende: chiare allusioni al periodo in cui Hiroshi faceva i restauri. Michele sa che Miriam per certi aspetti sarà sempre la donna di Hiroshi, ma non per questo la ama di meno, anzi si chiede come mai, tanto tempo prima, si era chiuso ai sentimenti e staccato dagli affetti.

Tutto era iniziato nell'autunno del 2000. Nel 2002 Karen e Hiroshi vengono a Roma per una visita; a Parigi Karen ha trovato un ruolo e in questa città i due intendono fermarsi per il futuro. L'incontro scatena una serie di fatti: Hiroshi vuole portare Miriam all'ospedale e Karen ha un effetto erotico incredibile su Michele, che le dà un appuntamento mentre gli altri vanno alla terapia. Con Karen, Michele passa un pomeriggio di passione esasperata e lei con lui; in seguito non si vorranno più congiungere, comprendendo la forza distruttiva delle energie da loro stessi scatenate. Poi Hiroshi vuole vedere Michele da solo per finire di dirgli la verità sull'affresco. Incontratisi di sera, Hiroshi cambia la narrazione della storia e dichiara che le autorità preposte ai lavori sono andate a cercarlo, affinché con il direttore e di notte dipingesse il volto del Cristo. Però Michele non ci sta e accusa l'altro di essere un bugiardo e di avergli narrato cose tutte diverse. Quando Hiroshi e Karen ripartono è un gran sollievo per Michele.

La vita di Miriam se ne sta andando, ma anche la sua pittura è cambiata: meno ossessiva, più luminosa. Un giorno Beatrice annuncia che ha ripreso a frequentare Renzo, il fidanzato di sempre, e che vorrebbe convivere con lui nella grande casa. Renzo fa l'infermiere ed è un uomo solido; ben presto il suo aiuto per Miriam, all'insegna di un costante buon umore, si riverbera sulla famiglia intera in modo benefico. Ma con il passare del tempo la malattia di Miriam si evolve verso il suo naturale termine e un giorno, dopo averle chiuso gli occhi, Michele la ricopre di ramoscelli di glicine, sostituiti ben presto da tante rose disposte da Beatrice.

Uno stato depressivo si impadronisce di Michele che si accorge di piangere con frequenza e di chiedere aiuto alla madre, scomparsa tanti anni prima. Come un fantasma assiste al matrimonio di Beatrice e Renzo, alla notizia che aspettano un bambino, al distacco che i due decidono per vivere in un altro luogo con la loro nuova famiglia. Michele sa di essere molto amato dalla sorella, dal cognato, in seguito dal piccino che, da lui male accolto all'inizio, diverrà il suo beniamino adorato. Ma è Guido a curare il male grande e profondo dell'amico: per lunghe sere rimane con lui, gli somministra dei farmaci, lo ascolta, lo fa andare a casa sua dove la moglie Rosanna è così ospitale.

E finalmente una sera Michele si concede una passeggiata nei luoghi che hanno visto i suoi drammi. Non trova più nulla: il ristorante è stato chiuso, la casa abitata da Hiroshi è ormai di altre persone. Nessuno può rispondere alle sue domande, perché nessuno sa cosa ci fosse in passato qui e là. Così, lucidamente, egli vede il traguardo della sua vita e si dice che lo aspetterà con serenità e accettazione.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele, psichiatra in congedo temporaneo per scrivere un saggio su alcuni casi clinici. Aveva una moglie dalla quale ha divorziato.
  • Beatrice, sorella minore di Michele, vive con lui.
  • Renzo, possibile fidanzato di Beatrice, ma la coppia è in crisi.
  • Guido, amico fraterno di Michele. Sposato con Rosanna, è sempre disponibile ad aiutare o invitare l'amico.
  • Hiroshi (nome completo Hiroshi Nakajii), restauratore, ha partecipato al Restauro degli affreschi della Cappella Sistina. In Italia da quando aveva un anno, è nato a Hong Kong.[1]
  • Karen, moglie di Hiroshi (nel tempo dello svolgimento del libro).
  • Miriam, sorella adottiva di Karen, perché adottata dai genitori di Karen quando era in tenera età. È stata a lungo moglie di Hiroshi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno della pubblicazione, 2008, il libro ha vinto il Premio Viareggio-Répaci nella sezione di narrativa[2].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesca Sanvitale, L'inizio è in autunno, Einaudi, collana Supercoralli, Torino 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^

    «Mi chiamo Hiroshi. Hiroshi Nakajii. Da quando avevo un anno sono vissuto in Italia, quindi sono italiano. I miei genitori venivano da Hong Kong...»

  2. ^ Edizione 2008, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato l'11 settembre 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura