Konrad Henlein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Konrad Ernst Eduard Henlein
Bundesarchiv Bild 121-0008, Sudetenland, Besuch Wilhelm Frick (cropped Konrad Henlein).jpg

Gauleiter di Sudetenland
Durata mandato 1 maggio 1939 –
8 maggio 1945
Predecessore carica creata
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Partito Tedesco dei Sudeti
(prima del 1938)
Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori
(dal 1939)

Konrad Ernst Eduard Henlein (Maffersdorf, 6 maggio 1898Plzeň, 10 maggio 1945) è stato un avvocato e politico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Henlein nasce a Maffersdorf (ora Vratislavice nad Nisou), parte della città di Liberec, nei Sudeti allora in Austria-Ungheria, ora nella Repubblica Ceca. La madre di Henlein era di origini ceche. Dopo aver prestato servizio militare durante la Prima Guerra Mondiale, al termine della quale fu per un breve periodo prigioniero in Italia, Henlein lavorò come impiegato bancario nella neonata Cecoslovacchia. Negli anni trenta iniziò la sua carriera politica, con la creazione del Sudetendeutsche Heimatfront ("Fronte patriottico tedesco dei Sudeti") successivamente denominato Sudetendeutsche Partei ("Partito tedesco dei Sudeti"). Inizialmente non aderì alle idee nazionalsocialiste di Adolf Hitler, affermando piuttosto la sua lealtà verso lo stato cecoslovacco.

Nel 1935 il suo braccio destro, Karl Hermann Frank, divenne leader del gruppo parlamentare dell'SdP. Intanto alcuni gruppi del partito, più vicini al governo nazionalsocialista di Berlino, e in particolare quelli che facevano riferimento al giornale Der Aufbruch, iniziavano ad essere finanziati dalla Germania. Dal novembre del 1937 i capi del SdP, compreso Henlein, coordinarono la politica nei Sudeti assieme al NSDAP, con l'obiettivo di separare i Sudeti dalla Cecoslovacchia ed integrarli alla Germania nazista. Nel settembre del 1938 Henlein organizzò diversi attentati in Cecoslovacchia, e la rivolta venne repressa dalle forze cecoslovacche, dando a Hitler il pretesto per denunciare la violenza della repressione del governo di Praga.

Henlein dovette fuggire in Germania per organizzare dei nuovi attacchi alla Cecoslovacchia. Nell'ottobre del 1938, con il Patto di Monaco, i Sudeti vennero annessi alla Germania e subito dopo Henlein aderì al Partito Nazista. Nel 1939 venne nominato Gauleiter dei Sudeti, posizione che detenne fino alla fine della guerra. Fu anche nominato deputato al Reichstag. Nel maggio del 1945, dopo esser stato catturato dall'esercito americano, si suicidò nella baracca dov'era rinchiuso presso Plzeň, tagliandosi le vene coi cocci di vetro dei suoi occhiali. Fu tumulato in forma anonima nel Cimitero maggiore della cittadina sudeta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39499430 · ISNI (EN0000 0000 8374 307X · LCCN (ENn90710972 · GND (DE118710435 · BNF (FRcb12670504p (data)