Kenneth Waltz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kenneth Neal Waltz

Kenneth Neal Waltz (Ann Arbor, 8 maggio 1924Washington, 13 maggio 2013) è stato un politologo statunitense, noto soprattutto come studioso di relazioni internazionali e come principale teorico del neorealismo o realismo strutturale (in particolare per il suo saggio Teoria della politica internazionale).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 ottiene un dottorato presso la Columbia University. Nel 1959 scrive il saggio L'uomo, lo stato, la guerra, in cui classifica le dottrine di relazioni internazionali in base alla risposta che esse hanno dato riguardo alle cause della guerra; individua quindi tre "immagini". Per la prima le cause della guerra sono da ricercarsi nell'essenza della natura umana, secondo una visione puramente Hobbesiana. Per la seconda nell'organizzazione interna degli stati (il loro ordinamento politico). Per la terza le cause dello scoppio dei conflitti armati vanno ricercate nella natura sostanzialmente anarchica del sistema internazionale, in quanto non esiste un'autorità superiore a quella di qualsiasi Stato nella conduzione degli affari internazionali. Per Waltz, quest'ultima è l'immagine della Politica Internazionale che più si avvicina alla realtà.

Nel 1979, con la pubblicazione di Teoria della Politica Internazionale[1], Waltz raffina il suo ragionamento arrivando a elaborare un vero e proprio modello teorico, chiaramente influenzato dal contributo apportato dalla Teoria economica neoclassica. L'opera segna una vera e propria evoluzione dell'apparato teorico della disciplina, fondando il filone neorealista (o del realismo strutturale) all'interno del paradigma realista. Il modello concepisce il sistema internazionale degli Stati non come formato da singole unità che agiscono individualmente e in maniera scoordinata, bensì come un insieme di unità che interagiscono tra loro sotto l'influenza di una vera e propria struttura 'soverchiante' del sistema politico internazionale. Secondo il modello di Waltz, il sistema internazionale è caratterizzato da un principio ordinatore fondamentale, l'anarchia (p.88), definito dall'esistenza di attori statuali 'funzionalmente indifferenziati' (p.97), tra i quali non esistono relazioni gerarchiche di specie (p.88) e che si classificano esclusivamente secondo le loro specifiche dotazioni di capacità materiali. Ciò che determina la dinamica all'interno di un sistema politico internazionale è, dunque, secondo questo modello, la maniera in cui gli attori statuali interagiscono sotto la pressione della struttura anarchica del sistema stesso. Non esistendo un'autorità superiore alla loro (principio ordinatore anarchico) e dal momento che svolgono tutti le stesse identiche funzioni, gli Stati dovranno provvedere da soli al mantenimento della propria sicurezza. La strategia migliore, quindi, per garantire la propria sicurezza è quella di portare le proprie capacità materiali al livello di quelle dell'unità più potente all'interno del sistema stesso, eguagliandole. Il meccanismo, noto nella disciplina come 'bilanciamento', determina nel medio-lungo termine una condizione di equilibrio a livello sistemico: qualsiasi incremento delle capacità di uno Stato (o di un gruppo di Stati) sarà bilanciato da un incremento equivalente di capacità da parte di un altro Stato (o di un altro gruppo di stati). Secondo il modello neorealista di Waltz, quindi, nel lungo periodo il sistema tende sempre ad una condizione di equilibrio di potenza, in quanto essa rappresenta la scelta più razionale per gli Stati, attraverso la massimizzazione del proprio potere che consente loro di garantire al meglio la propria sicurezza.

Uno dei motivi della celebrità di cui ha goduto il realismo strutturale, probabilmente, è stato quello di argomentare a favore dei pregi di un sistema internazionale bipolare. Al tempo in cui Waltz elaborò la sua proposta teorica, infatti, Stati Uniti e Unione Sovietica rappresentavano le due Grandi Potenze (o super-potenze) nel contesto della Guerra Fredda. Secondo la personale interpretazione di Waltz, un sistema bipolare costituiva la tipologia di ambiente internazionale più desiderabile, in virtù del suo carattere di estrema stabilità in confronto a qualsiasi altra tipologia di sistema internazionale, che questo fosse multipolare o unipolare. A questo proposito, argomenta abbondamente nell'ultimo capitolo di Teoria della Politica Internazionale.

Kenneth Waltz, con il suo realismo strutturale, ha apportato un notevole contributo all'evoluzione della disciplina delle Relazioni Internazionali. Oltre ad avere emancipato il paradigma realista da una dimensione epistemologica legata principalmente alla dimensione dell'essenza umana e delle determinanti della sua azione, ha contribuito in maniera decisiva a traghettare la disciplina verso un approccio più scientifico, attraverso l'astrazione teorica di cui il suo modello è una dimostrazione esemplare. Un ulteriore merito di Kenneth Waltz è quello di avere portato in prima linea il concetto di anarchia che, da quel momento, ha ricevuto sempre più attenzione nello studio della disciplina. Ha contribuito anche a dare un notevole slancio allo studio del ruolo degli armamenti nucleari nella dinamica politica internazionale. A questo proposito, è famoso il suo articolo "The Spread of Nuclear Weapons: More May Be Better"[2] del 1981.

Infine, è bene sottolineare come il suo contributo attraverso la fondazione del filone del realismo strutturale, abbia fornito le basi teoriche per la nascita del paradigma costruttivista delle Relazioni Internazionali.

Tra il 1987 ed il 1988 è stato presidente dell'American Political Science Association.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Kenneth Waltz, Society of Senior Scholars - Columbia University. URL consultato il 23-7-2010.
Controllo di autoritàVIAF (EN39462566 · ISNI (EN0000 0001 2103 3205 · LCCN (ENn82048737 · GND (DE119287315 · BNF (FRcb123963065 (data)
  1. ^ Kenneth N. Waltz, Theory of international politics, Reading, Mass., Addison-Wesley Pub. Co., 1979.
  2. ^ Kenneth N. Waltz, The Spread of Nuclear Weapons: More May Better (PDF), in Adelphi Papers, nº 171, London: International Institute for Strategic Studies, 1981.