Kappa Magazine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kappa Magazine
Stato Italia Italia
Lingua Italiano
Periodicità Mensile
Genere Manga
Fondazione luglio 1992 - novembre 2006
Editore Star Comics
 

Kappa Magazine è stata una rivista manga mensile e successivamente bimestrale italiana, la cui pubblicazione cominciò nel luglio del 1992 e finì nel dicembre del 2006, con il numero 173.[1] Per molti anni, Kappa Magazine è stata la testata ammiraglia della divisione dedicata ai fumetti giapponesi della Star Comics.

La rivista si suddivideva in una parte a colori in cui trovavano spazio articoli redazionali su anime e rubriche, ed una seconda parte in bianco e nero in cui venivano pubblicati capitoli di vari manga seriali, fra cui Oh mia dea!, Compiler, Narutaru, Chobits, 3x3 occhi, Office Rei, Otaku Club, Calm Breaker, Bug Patrol, Gun Smith Cats, Exaxxion, Kamikaze, Potëmkin, Goblin, Kudanshi, Moon Lost, Mokke, Shizume e Vite da cavie (anche se molti manga poi venivano "spostati" su testate autonome), oppure manga composti da un unico capitolo di vari autori. Tutti i manga pubblicati su Kappa Magazine erano editi in patria dalla Kōdansha.

Per i primi numeri la rivista era composta da centoventotto pagine ed occasionalmente da duecentocinquantasei. Dal numero 105 del marzo 2001, la testata è stata pubblicata regolarmente con duecentocinquantasei pagine. Inizialmente questo aumento di pagine veniva segnalato con il cambio di nome della rivista in Kappa Magazine +, benché dal numero 138 del dicembre 2003 il nome ritornerà ad essere semplicemente Kappa Magazine.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]