Juana de J. Sarmiento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Juana de J. Sarmiento

Juana de Jesús Sarmiento Ariza, meglio conosciuta come Juana de J. Sarmiento (Sabanalarga, 18991979), è stata una politica e attivista colombiana, riconosciuta per essere stata la prima sindaca eletta di un comune della Colombia.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sarmiento nacque nel comune di Sabanalarga, dipartimento dell'Atlantico, nel 1899. Iniziò la sua carriera politica partecipando alla creazione e all'organizzazione di Comitati Civici nel comune. Negli anni '30 fondò un'organizzazione femminile chiamata Colombia Democrática, di cui divenne in seguito la presidente. L'istituzione portò alla creazione di fondazioni guidate esclusivamente da donne nel paese produttore di caffè.[2][3]

Nel 1935 fu una delle fondatrici della Sociedad de Mejoras Públicas de Sabanalarga. Durante gli anni '40, condusse campagne di attivismo a beneficio del suo comune e dei diritti delle donne e dei diseredati, consolidando la sua carriera politica. Il 15 maggio 1951, Sarmiento divenne la prima sindaca eletta di un comune nell'intera storia della Colombia.[1]

Nel 1955 Sarmiento fu nominata Segretario del Consiglio di amministrazione del comune, dove il suo impegno civivo fu determinante nella costruzione di una casa di cura negli anni '70.

Sarmiento morì il 25 maggio 1979, all'età di 79 anni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Xavier Ávila Patiño, Juana de Jesús Sarmiento Ariza. primera mujer nombrada alcaldesa en colombia (1951) (PDF), in Boletín Nº 7 de historia y antigüedades de Sabanalarga, de la Asociación Centro de Historia de Sabanalarga. Diciembre de 2016). URL consultato il 28 August 2021.
  2. ^ (ES) "Noticias de Sabanalarga-Atlántico: La casa de la primera alcaldesa de Sabanalarga, Juana de J. Sarmiento". Noticias de Sabanalarga, 23 settembre 2018
  3. ^ (ES) El tiempo de la mujer ya llegó, in Las2orillas, 1º August 2019. URL consultato il 28 August 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]