Joseph Calmette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joseph Calmette (Perpignano, 1º settembre 1873Tolosa, 16 agosto 1952) è stato uno storico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi all'École nationale des chartes, dove si è laureato con una tesi su Luigi XI e l'Aragona), è stato membro dell'École française di Roma dal 1900 al 1902. Fu quindi professore di Storia medievale nelle università di Montpellier (1903-4) e di Digione (da 1905 al 1911, allorché fu chiamato a ricoprire la cattedra di Storia della Francia meridionale nell'università di Tolosa che tenne fino al ritiro (1946) a causa di gravi problemi di salute.

Fu membro di numerose accademie. Presidente della Société Archéologique du Midi de la France; dal 1934 fu anche membro dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres.

Scritti (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

Calmette fu autore di un grandissimo numero di pubblicazioni, alcune delle quali molto importanti:

  • Études sur les relations de Louis XI avec Jean II d'Aragon et le principat de Catalogne (1461- 1473) (1900)
  • La diplomatie carolingienne du traité de Verdun à la mort de Charles le Chauve (1901)
  • Louis XI, Jean II et la Révolution catalane (1903)
  • Bibliographie roussillonnaise (1906)
  • Histoire du Roussillon (1923)
  • Louis XI et l'Angleterre, Paris: Picard, (1930)
  • Le Monde Féodal, Paris: Presses Universitaires de France, 1934
  • L'art italien à Paris, Bulletin des Amitiés franco-étrangères (1935)
  • Charlemagne, sa vie et son oeuvre, Paris: A. Michel, 1945; edizione in lingua italiana: Carlomagno; traduzione di G. Lombardini; prefazione di Giorgio Falco, Torino: F. De Silva, 1948; Rist. anastatica: Firenze: La nuova Italia (1974)
  • Histoire de l'Espagne. Paris: Flammarion, 1947; edizione in lingua italiana: Storia di Spagna, 2 volumi; traduzione di E. De Smaele, Firenze: Sansoni, 1958-1962
  • Les grands Ducs de Bourgogne (1949)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • François Galabert, «Nécrologie», Bibliothèque de l'École des chartes, n° 111 (1953), pp. 339-343 (FR)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN56672509 · LCCN: (ENn85801586 · ISNI: (EN0000 0001 2280 4059 · GND: (DE115506918 · BNF: (FRcb12284935j (data)