Johann Schop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johann Schop

Johann Schop (Amburgo, 1590Amburgo, 1667) è stato un compositore e violinista tedesco, le cui composizioni per violino godettero di vasta popolarità[1].

Pubblicò diversi libri di violino in 4-6 volumi ; alcune delle sue composizioni furono eseguite durante la pace di Vestfalia.

La sua composizione Werde munter, mein Gemüte, del 1641, ispirò al noto compositore Johann Sebastian Bach per i movimenti corali (6 e 10) della sua cantata Herz und Mund und Tat und Leben. Il sesto movimento di Schop era Wohl mir, daß ich Jesum habe e il decimo movimento era Jesu bleibet meine Freude.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boyden, 1990
  2. ^ Arnold, 1983

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Dodge Boyden, The History of Violin Playing from Its Origins to 1761, Oxford University Press, 1990, ISBN 0-19-816183-2.
  • Denis Arnold, The New Oxford Companion to Music, Oxford University Press, 1983, ISBN 0-19-311316-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN172351998 · ISNI: (EN0000 0004 3505 7787 · LCCN: (ENn84001959 · GND: (DE128480343 · BNF: (FRcb148322718 (data)