Jeff Skilling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jeff Skilling

Jeff Skilling, nome completo Jeffrey Keith Skilling (Pittsburgh, 25 novembre 1953), è un ex dirigente d'azienda statunitense.

Chief executive officer di Enron Corporation fino al 2001, anno in cui la società dichiara bancarotta, è stato condannato nel 2006 a 24 anni e 4 mesi di prigione. È stato detenuto nella prigione federale di Waseca, nello Stato del Minnesota. Nel 2013 la sua pena fu ridotta da 24 a 14 anni, e nel febbraio 2019 è stato rilasciato.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Pittsburgh, in Pennsylvania, secondo di quattro fratelli, a 16 anni diventa direttore di produzione di un canale televisivo locale. Nel 1979, dopo la laurea alla West Aurora High School, riceve l'MBA presso la prestigiosa Harvard Business School.

Successivamente viene assunto dalla società di consulenza "McKinsey & Company", ed è in questo periodo che soffre di esaurimento nervoso: viene fermato, infatti, dalla polizia di New York, per aver infastidito alcuni passanti.

Nel 1987 viene assunto alla Enron, ricoprendo, nel corso degli anni, varie cariche fino al 2001, quando viene nominato CEO di Enron secondo solo a Ken Lay, il quale viene colpito dalla creatività e dalla genialità di Skilling. È proprio in quest'anno che riceve uno dei più alti compensi in veste di amministratore delegato: 132 milioni di dollari.

Visionario, ideò un nuovo core business trasformando la Enron in una grande borsa online dove era possibile scambiare energia come normali azioni. Dopo il fallimento della Enron viene condannato per insider trading, cospirazione, false dichiarazioni ed altri reati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Former Enron CEO Jeffrey Skilling released from federal custody, su reuters.com, 22 febbraio 2019. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 27 agosto 2019).
Controllo di autoritàVIAF (EN41607447 · LCCN (ENno2006134861 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006134861