Jean-Antoine Chaptal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Antoine Chaptal
Jean-Antoine Chaptal (1756-1832), comte de Chanteloup.jpg

Ministro degli Interni del Consolato
Durata mandato 6 novembre 1800 –
7 agosto 1804
Predecessore Lucien Bonaparte
Successore Jean-Baptiste Nompère de Champagny

Senatore del Primo Impero Francese
Durata mandato 13 agosto 1800 –
2 aprile 1814

Membro della Camera dei Pari del Primo Impero Francese
Durata mandato 20 marzo 1815 –
22 luglio 1815

Membro della Camera dei Pari del Primo Impero Francese
Durata mandato 1819 –
29 luglio 1832

Jean-Antoine Chaptal (Saint-Pierre-de-Nogaret, 4 giugno 1756Parigi, 30 luglio 1832) è stato un chimico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato principalmente sugli acidi minerali, soda e altre sostanze chimiche. In Élémens de Chymie[1] (pubblicato nel 1790), coniò una nuova denominazione per il gas conosciuto allora come "azoto" o "aria mefitica" ovvero la parola nitrogène, denominata dal niter (detto anche salnitro, un composto minerale del nitrato di potassio), che era necessario per la produzione dell'acido nitrico. Il nuovo termine di Chaptal per il gas è stato assorbito nella parola inglese per "azoto" ovvero "nitrogen".
Come Ministro degli interni del Consolato si occupò di arte e di musei. A lui si deve il decreto istitutivo del Museo di belle arti di Marsiglia del 1801.
Il suo nome è inciso sulla Torre Eiffel.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Éléments de chimie Archiviato il 19 settembre 2011 in Internet Archive. - SICD University of Strasbourg - digital issue

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64003380 · ISNI (EN0000 0001 0908 4800 · LCCN (ENn83007694 · GND (DE11891779X · BNF (FRcb11896089k (data) · NLA (EN35789981 · BAV ADV10077176 · CERL cnp01264571
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie