Itinerarium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un itinerarium (plurale: itineraria) era una sintesi, con finalità pratiche, di un itinerario stradale dell'antichità romana, con indicazioni delle città, delle stazioni di sosta e di cambio dei cavalli e delle relative distanze. Potevano essere in forma sia testuale che grafica.[1]

Il termine può riferirsi anche alle guide redatte da viaggiatori medioevali, molte delle quali sono racconti di pellegrinaggi in Terra santa[2]:

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di itinerari, sia romani sia cristiani, sono:

Un'opera che viene spesso accostata a quella degli Itineraria è l'Itinerarium Alexandri, che, in realtà, è una biografia di Alessandro Magno che contiene una descrizione del percorso compiuto in Persia.

Altro esempio di itinerario sono i cosiddetti Bicchieri di Vicarello, vasi in argento riportanti il tragitto da Gades (Cadice) a Roma indicante le varie stazioni e le relative distanze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Spazi geografici dell'Italia antica (Università di Bologna).
  2. ^ Voce Itineraria dalla Catholic Encyclopedia (1913) su en.Wikisource.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4162627-8