Indice (editoria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di indice con capitoli, sottocapitoli e indicazione dei numeri di pagina

L'indice dei contenuti (o semplicemente indice) è un elenco dei capitoli e sottocapitoli di un libro o di un documento, organizzato nell'ordine in cui appaiono i capitoli stessi. L'indice solitamente contiene i titoli o le descrizioni delle intestazioni di primo livello, come i titoli dei capitoli in opere più lunghe; spesso include anche le intestazioni di secondo livello o i titoli delle sezioni in cui sono suddivisi i vari capitoli, e talvolta anche le intestazioni di terzo livello sottosezioni).

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

L'indice stampato solitamente riporta, accanto al titolo del capitolo o sezione, il numero della pagina del volume in cui questo compare; negli indici di documenti digitali sono invece presenti (in alternativa o in accompagnamento ai numeri di pagina) i link per raggiungere ciascuna parte del testo con un click (è il caso dell'indice di questa voce). Il formato e la posizione dei numeri di pagina varia in base all'editore e all'autore del testo.

Nel caso in cui i numeri di pagina vengono indicati dopo il titolo del capitolo o sezione, potrebbero essere preceduti da caratteri quali punti o linee che partono dai titoli di capitolo o sezione sul lato opposto della pagina. In alternativa, i numeri di pagina possono collocarsi più vicini ai titoli, sempre sulla destra, oppure sulla sinistra, a precedere i titoli.

Solitamente, se un libro o di un documento contiene capitoli, articoli, o storie di autori diversi, il nome dell'autore di solito appare nella tabella dei contenuti, accanto o sotto ai rispettivi titoli.

Esistono indici in cui viene inserita, di seguito al titolo, anche una sintetica descrizione del capitolo.

Solitamente un indice non include le parti di testo che precedono l'indice stesso, come, per esempio, capitoli introduttivi o note dell'autore, nonostante tutte le pagine siano numerate. Ci sono casi in cui l'indice e le pagine che lo precedono presentano una numerazione romana piuttosto che la classica numerazione araba, proprio per distinguere le parti del libro o documento.

Molti programmi di videoscrittura, come Microsoft Word, WordPerfect, e StarWriter, sono in grado di generare in automatico un indice dei contenuti.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Indice di un atlante dell'Ottocento dell'Impero russo

Seguono alcuni esempi dei diversi tipi di indice:

  • Numeri delle pagine preceduti da caratteri
Capitolo 1: Come iniziare . . . . . . . . . . . . . 1
  Introduzione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
  I primi passi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
  • Numeri delle pagine non preceduti da caratteri
Capitolo 1: Come iniziare    1
 Introduzione    2
 I primi passi    3
  • Titoli dei capitoli con indicazione dell'autore:
1. Introduzione alla biologia - Arthur C. Smith   1
2. Microbiologia - Susan Jones   10
3. I progressi delle biotecnologie - T.C. Chang   24
  • Indice con descrizioni dei capitoli:
Capitolo 1                                           3
  vediamo per la prima il nostro eroe e l'eroina, 
  partecipare al gran ballo di corte, che sarà 
  l'inizio di un viaggio inaspettato.

Capitolo 2 12 Il viaggio prende una svolta inaspettata: i protagonisti incontrano la Regina delle Nevi

Primi utilizzi[modifica | modifica sorgente]

Plinio il Vecchio indica Quinto Valerio Sorano († 82 a.C.) come il primo autore ad aver fatto ricorso ad un indice dei contenuti per aiutare i lettori a consultare il suo scritto.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura