In territorio nemico (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
In territorio nemico
AutoreSIC – Scrittura Industriale Collettiva
1ª ed. originale2013
Genereromanzo
Sottogenerestorico
Lingua originale italiano
AmbientazioneItalia sotto occupazione tedesca, dall'8 settembre 1943 al 25 aprile 1945
ProtagonistiMatteo Curti, Adele Curti, Aldo Giavazzi

In territorio nemico è un romanzo storico del 2013 scritto dal collettivo SIC ed edito da minimum fax nella collana Nichel. È ambientato durante l'occupazione tedesca in Italia.

In territorio nemico è stato scritto collettivamente utilizzando il metodo di scrittura collettiva SIC[1] ideato da Vanni Santoni e Gregorio Magini e coordinato dagli stessi fondatori; il suo soggetto è basato su aneddoti e testimonianze orali raccolte dagli stessi scrittori[2]. Con i suoi 115 autori, è il romanzo con più autori al mondo[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le vicende ruotano intorno al destino di tre personaggi: Matteo Curti, un sottufficiale di marina che diserta e attraversa l'Italia devastata dalla guerra nel tentativo di raggiungere la sorella Adele, imparando a combattere e prendendo coscienza della situazione del paese; Adele Curti, una giovane sposa borghese che, abbandonata dal marito, sopravvive nella Milano bombardata entrando in contatto prima col mondo operaio, poi con quello dei Gruppi di Difesa della Donna e addirittura con quello dei GAP; suo marito Aldo Giavazzi, un ingegnere aeronautico che, per paura di venire deportato, si nasconde nella cascina di famiglia scivolando in una progressiva e visionaria follia.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura