Illusione anatra-coniglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'illusione "anatra-coniglio".

L'illusione anatra-coniglio (in inglese: duck-rabbit illusion) è una rappresentazione figurativa proposta nel 1892 dallo psicologo statunitense Joseph Jastrow, per illustrare una forma di illusione ottica[1]. La figura è composta da un'unica immagine che, alternativamente, può essere interpretata percettivamente come la testa di un'anatra (che guarda verso sinistra) oppure di un coniglio (che guarda verso destra).

Questa illusione ottica è stata oggetto di commento da parte del filosofo, logico ed epistemologo Ludwig Wittgenstein, nelle sue Philosophische Untersuchungen[2], da parte dello storico dell'arte Ernst Gombrich[senza fonte], nonché dall'epistemologo T. Kuhn il quale, ne "La struttura delle rivoluzioni scientifiche", parla di "riorientamento gestaltico" a proposito del passaggio da un "paradigma" scientifico ad un altro[3].

L'illustrazione è divenuta poi celebre in particolare grazie alla serie televisiva Alla fine arriva mamma. Durante un episodio i personaggi usano l'illusione ottica per spiegare come la prima impressione possa cambiare in poco tempo. A ciò segue un'agguerrita discussione su quale dei due animali sia superiore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jastrow, J. "The Mind's Eye." Popular Sci. Monthly 54, 299-312, 1899.
  2. ^ Wittgenstein, L. Philosophical Investigations. Oxford, England: Blackwell, pp. 165-166, 1953/1958
  3. ^ Kuhn, T., "The structure of Scientific Revolutions", trad. di A. Carugo, "La struttura delle rivoluzioni scientifiche", Einaudi, Torino, pp.139 ss..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]