Il saccheggiatore di relitti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il saccheggiatore di relitti
Titolo originaleThe Wrecker
Altri titoliIl relitto, il naufragio
Rsl1.jpg
AutoreRobert Louis Stevenson
1ª ed. originale1892
Genereromanzo
Sottogenereavventura
Lingua originale inglese
AmbientazioneIsole Marchesi

Il saccheggiatore di relitti (The Wrecker), edito anche come Il relitto o il naufragio, è un romanzo del 1892 di Robert Louis Stevenson scritto in collaborazione con il figliastro Lloyd Osbourne. La storia è ambientata alle Isole Marchesi e si sviluppa intorno al relitto abbandonato della Flying Scud.

Lo spunto del romanzo fu un episodio realmente accaduto di cui Stevenson sentì parlare nel 1888 a Honolulu: il caso del misterioso naufragio della Wandering Minstrel dispersa sulla costa dell'isola Midway.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Loudon Dodd, protagonista-narratore, dopo aver vissuto per un periodo come bohémien nel quartiere latino di Parigi, partecipe della vita degli artisti, torna in America in seguito alla perdita di denaro del padre, e si mette in affari con un avventuriero conosciuto a Parigi. Da qui in poi il ritmo del romanzo cambia, riempiendosi di suspense. Loudon si mette in mare per raggiungere il relitto di una nave con la speranza di trovarvi oppio da rivendere. Troverà invece tracce di una misteriosa vicenda nella quale è implicato il cadetto di una nobile famiglia inglese, lord Carthew.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. L. Stevenson, Il relitto, trad. it. di Igor Legati, Torino, Einaudi Editore, 1991, p. VII.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clotilde De Stasio, Introduzione a Stevenson, Bari, Editori Laterza, 1991.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura